Paola Turani

0
195

Chi è

  • Nome: Paola Turani
  • Età: 32 anni
  • Data di nascita: 10 agosto 1987
  • Professione: modella e infuencer
  • Luogo di nascita: Sedrina – Bergamo
  • Altezza: 1,78 m
  • Segno zodiacale: leone
  • Segni particolari: piercing all’ombelico
  • Profilo Instagram ufficiale: @paolaturani

Biografia

Paola Turani nasce a Sedrina, in provincia di Bergamo, nel 1987. È molto legata alla sua famiglia e ha un bellissimo rapporto con il fratello Stefano. Ha il sogno di diventare veterinaria, dato il suo immenso amore per gli animali. Non riesce però a coronare questo sogno. Quando ha solo 16 anni infatti un talent scout nota la bellezza di Paola e le chiede di rappresentare un’agenzia francese. Paola Inizia questa avventura nel mondo della moda, una carriera la sua che da quel momento in poi è lastricata di successi. Quando Paola ha 20 anni le viene diagnosticato il cancro al collo dell’utero, situazione che Paola riesce però a superare senza troppe difficoltà. Paola riesce a prendere il diploma in perito agrario. Nel 2011 i suoi genitori si separano. Nello stesso anno però Paola Turani conosce Riccardo Serpellini, che oggi è suo marito.

Paola Turani, modella internazionale
@paolaturani [IG]

Lavoro e carriera

Quando Paola Turani viene notata dai talent scout francesi, inizia a lavorare in modo frenetico nel mondo della moda anche per brand di fama internazionale del calibro di Calvin Klein, Versace, Dior. A 18 anni partecipa anche a Miss Italia. Arriva però solo alle prefinali. Paola ha una grande passione per l’arte e durante la giovinezza dipende e commissiona molti quadri.

Nel corso degli anni diventa il volto per molti importanti brand, tra cui L’Orèal Paris, Calzedonia, Twinset, Morellato, Sephora. Nel frattempo cresce la sua fama su Instagram e inizia a lavorare anche attraverso questo canale social. Viene invitata a Detto Fatto e alla Mostra del Cinema di Venezia.

Vita privata

Paola Turani e Riccardo Serpellini si conoscono da molti anni, ma sono entrambi fidanzati e non sembrano avere alcun tipo di interesse l’uno per l’altra. Si perdono di vista per poi incontrarsi di nuovo da single nel 2011. Durante questo loro nuovo incontro, capiscono che c’è un feeling che merita di essere coltivato. Riccardo usa come scusa la richiesta di un quadro alla bella Paola Turani per poterla incontrare nuovamente e riesce a conquistarla. Dopo appena un paio di mesi, iniziano la loro convivenza. Riccardo ha fatto la proposta di matrimonio a Paola in un meraviglioso campo di lavanda della Provenza e i due innamorati sono adesso sposati dal luglio del 2019.

Paola Trani, sposata amante del cibo e della lettura
@paolaturani [IG]

Curiosità

  • Ha due cani che ama moltissimo, Nadine e Gnomo. Le piace festeggiare i loro compleanni, con tanto di torta e candeline naturalmente.
  • Prima di Nadine e Gnomo, Paola e Riccardo avevano un altro cane di nome Bracchetto. Purtroppo però al loro cane avevano diagnosticato circa 18 tumori.
  • Ha una vera passione sia per la pasta che per la pizza, da vera italiana.
  • Le piace molto leggere.
Paola Turani, amante degli animalii
@paolaturani [IG]

Video e voci correlate

  • Video YouTube con alcune stories Instagram di Paola Turati
  • Articolo su Grazia dedicato a Paola Turati

Aggiornamenti

20 luglio: Le vacanze estive di Paola Turani

Da come possiamo vedere su i suoi profili social, in particolare Instagram, Paola ama trascorrere le vacanze estive tra il mare e la montagna e soprattutto in compagnia di suo marito e dei suoi cani. La sua è una vacanza tutta all’italiana, iniziata con delle giornate di mare a bordo di una super barca in giro per l’Isola d’elba. Pubblica foto dove sfoggia un fisico mozzafiato ma sotto le didascalie ci tiene a precisare “senza tatuaggi”. L’Isola d’elba è una delle mete estive preferite della Turani infatti non è la prima volta che trascorre delle giornate in pieno relax insieme a suo marito da quelle parti. Dopo dei giorni di mare si è sposata in montagna a Val Gardena. Su instagram pubblica scatti felici e spensierati in compagnia dei suoi cani.

10 agosto: Paola Turani al naturale piace tantissimo ai followers

Qualche settimana fa Paola Turani ha pubblicato su Instagram una foto che la ritrae al naturale, senza neanche un filo di trucco. I followers sono abituati a vedere Paola invece sempre truccata, con un viso impeccabile. Perché la bella Paola ha deciso di offrire ai suoi fan una prospettiva così diversa? Perché si è stancata di ricevere in continuazione messaggi che si riferiscono al suo corpo o al suo aspetto. Paola è abituata ad attacchi di questa tipologia, ormai ci ha fatto l’abitudine e inoltre sa fregarsene. Però ci sono giornate in cui anche fregarsene non è semplice, in cui non si ha più voglia di venire attaccate per il proprio aspetto, per la propria normalità.

Essere se stesse, normali ai nostri occhi e agli occhi degli altri senza dover nasconderci, senza subire ogni volta giudizi, battutine e messaggi per dei piccoli difetti. Le macchie, le occhiaie, i brufoli, la cellulite, la pancia ecc.. Nella REALTÀ, tolti i filtri e dietro ai ritocchi le imperfezioni le abbiamo tutte, ci rendono normali e vi assicuro che dal vivo quelle macchie si vedono ancora di più! In questi giorni mi è venuta l’ansia, quasi la paura di mostrarmi per come sono, dopo l’ennesimo commento in cui mi faceva notare qualcosa che non andava bene. Ma per chi non va bene, esattamente? Dovremmo cercare di non trovare per forza il difetto negli altri, di non continuare a giudicare, di essere più tranquille e in pace con gli altri ma soprattutto con noi stesse. Non siamo sempre ordinate, non siamo sempre impeccabili, la perfezione non esiste, non pretendiamola, che è così bella LA NORMALITÀ”.

Sono queste le parole che Paola Turani ha deciso di offrire a tutte le sue followers, con la speranza che questo sia un vero e proprio messaggio, con la speranza che tutte inizino ad apprezzarsi per quello che sono realmente, per la loro normalità, senza filtri né soprattutto senza avere paura del giudizio degli altri. Sono sempre più numerose le influencer e le VIP che stanno in questo ultimo periodo cercando di inviare messaggi di questa tipologia, una piccola rivoluzione che parte dal basso e che speriamo davvero possa prendere piede.

27 agosto: Paola Turani racconta 3 curiosità che la riguardano e critica i filtri Instagram

I fan sono alla costante ricerca di qualche curiosità interessante sui loro personaggi famosi preferiti. I VIP lo sanno bene, ma spesso le curiosità che raccontano sono già state sentite e risentite chissà quante volte. Paola Turani ha deciso invece di offrire ai followers che la seguono su Instragram delle piccole chicche di cui non aveva mai parlato, che ci consentono di conoscerla un po’ meglio o quanto meno di sentirsi parte della sua quotidianità.

Paola Turani ha raccontato che quando era piccola tutti le dicevano che assomigliava ad un personaggio dei cartoni animati giapponesi, dato che il suo viso era piccolo e gli occhi invece immensi. Alcuni avevano anche dato un nome ben preciso alla sfumatura azzurra dei suoi occhi, la definivano color jeans. Paola ha poi raccontato di essere stata aggredita da un cane quando era una bambina, rischiando di perdere un occhio. Per fortuna le conseguenze non sono state negative come sembrava inizialmente e lei inoltre è riuscita anche a non farsi venire la paura dei cani. Anzi, li adora come sanno bene tutti i suoi followers!

Oltre a raccontare alcune curiosità che la riguardano, Paola Turani spiega nelle sue stories su Instagram quanto odi i filtri che sono a disposizione degli influencer e di tutti coloro che sono soliti utilizzare il social network. Paola infatti si è resa conto di come moltissime ragazze siano ormai solite utilizzare nelle loro stories quotidianamente dei filtri che modificano la loro immagine, creando una pelle impeccabile con un solo semplice click ad esempio oppure modificando leggermente i lineamenti. Sono filtri che a Paola Turani non piacciano, perché lei crede nella bellezza al naturale. Inoltre Paola è convinta che con il passare del tempo utilizzare questi filtri diventi quasi una sorta di ossessione, come se senza quel filtro non si riuscisse più a rivedersi nell’immagine che lo smartphone ci propone. Crede che se ne divieti insomma alla fine dipendenti.