Alessandro Antinelli

0
111

Chi è

  • Nome: Alessandro Antinelli
  • Età: 46 anni
  • Data di nascita: 2 Agosto 1974
  • Professione: Giornalista, presentatore televisivo
  • Luogo di nascita: Roma
  • Altezza: 1.85
  • Profilo Instagram ufficiale: @aleantinelli
@aleantinelli

Biografia

Si è diplomato nel 1993 al liceo classico Platone, nella capitale, poi ha proseguito i suoi studi in Storia all’Università di Roma Tre. Nello stesso anno inizia la sua collaborazione con Radio Serena poi a RadioIncontro, Radio Globo e Antenna 1, tutte emittenti romane. La passione per lo sport lo ha poi indirizzato verso il giornalismo di stampo prettamente sportivo, passione nata dopo anni in cui ha praticato pallavolo a buoni livelli da ragazzo.

Lavoro e carriera

Dopo le prime esperienze con le emittenti romane a metà degli anni 90′, inizia a farsi un nome e muove i primi passi conducendo il notiziario di RDS, la famosa emittente nazionale, a partire dal 1996. Qui conduce il notiziario sportivo e ricopre il ruolo di inviato per calcio, pallavolo, basket e formula 1. Dal 2000 il passaggio in tv, a Rai Sport,  ma è assunto a tempo indeterminato solo nel 2009. Durante la sua avventura pluridecennale ha seguito, tra le altre cose, le ultime quattro olimpiadi (dove, però, si occupava di servizi per l’AdnKronos e collegamenti con Radio 24), i Campionati del Mondo di calcio del 2006, del 2010 e del 2014, i Campionati europei di calcio del 2008 e del 2012 e la Confederations Cup del 2013. Dalla seconda metà del 2010 fino al giugno 2015 è stato tra gli inviati al seguito nonché bordocampista delle partite della Nazionale italiana di calcio (il suo posto è stato preso dal collega Luca De Capitani) ed è stato spesso inviato a bordo campo anche per altre partite di calcio trasmesse dalla RAI soprattutto per quanto riguarda la Coppa Italia.

Per un periodo, precisamente dal 2009 ad agosto 2015 ha raccolto l’eredità di Francesco Pancani e di Jacopo Volpi come telecronista della pallavolo ed è stato la voce sia della Nazionale italiana maschile di pallavolo sia del campionato italiano, ruolo che condivide con Maurizio Colantoni e Marco Fantasia. Lui stesso ha infatti giocato per quindici anni a pallavolo e poi anche a beach volley.

Nella stagione 2009-2010 è alla guida di Replay, in onda il lunedì in seconda serata su Raitre insieme a Simona Rolandi. Nella stagione 2014-2015 conduce a rotazione con Marco Mazzocchi, Valerio Iafrate e Andrea Fusco Zona 11 pm su Rai Sport 1. Nel 2014 ha inoltre ricevuto il premio giornalistico Piero Dardanello, quindi, nello stesso anno, ha conquistato l’Oscar dello Sport di Mazara del Vallo e, nel 2015, è stato premiato alla rassegna “Pulcinellamente” di Sant’Arpino. nel 2016 ha vinto il premio Ussi Coni nella sezione tv. Dal 23 agosto 2015, conduce la nuova edizione de La Domenica Sportiva, insieme a Giusy Versace, conduzione che bissa l’anno successivo affiancato da Giorgia Cardinaletti. Nell’estate del 2016 è l’inviato della Rai al seguito della Nazionale italiana al Campionato europeo di calcio 2016. Nell’agosto 2016 partecipa a Rio de Janeiro alla sua quarta Olimpiade come telecronista di pallavolo e Beach volley maschile commentando due medaglie d’argento.

Vita privata

Non filtra molto attraverso i profili social del bell’Alessandro, che utilizza regolarmente sia Facebook che Instagram (in quest’ultimo il suo profilo è però riservato). Sappiamo che è sentimentalmente impegnato, ma non se è fidanzato oppure sposato. Dalla donna che ama ha avuto due figlie, alle quali ha fatto riferimento talvolta nel corso di alcune interviste. Inoltre, sappiamo che Alessandro vive ancora a Roma assieme alla sua famiglia.

@aleantinelli

Curiosità

  • Come già accennato, ha giocato per tanti anni a Pallavolo e successivamente Beach Volley, dando vita di fatto alla sua passione per lo sport.
  • Sul difficile momento del calcio post lockdown ha dichiarato:  “inizierà un nuovo campionato. Il coronavirus non potrà e non dovrà essere alibi di nessuno. JuventusLazio ed Inter se la giocheranno per il titolo. In caso di play-off, invece, credo possa succedere di tutto