Mostro di Firenze, novità choc sulla famiglia sterminata: “Sapeva la verità sui delitti”

0
1619

Il Mostro di Firenze torna a far gelare il sangue. Un uomo ha deciso di raccontare la storia della sua famiglia. Uccisi perché sapevano.

La struggente confessione arriva da Luciano Malatesta. L’uomo è un 50enne fiorentino che ha deciso di raccontare la storia della sua famiglia. Tutti morti tra gli anni Ottanta e Novanta. Secondo l’uomo questi eventi sarebbero riconducibili ai delitti del Mostro di Firenze.

La notizia è arrivata alle pagine di Giallo dove Malatesta ha deciso di “metterci la faccia”. Un racconto che somiglia quasi a un film dell’orrore. Una scia di morte che viene a galla solo ora. Scopriamo di più.

Mostro di Firenze: la tragica morte di un’intera famiglia

Luciano è figlio di Renato Malatesta e Maria Antonietta Sperduto. Suo padre, i suoi zii paterni Gino e Bruno morirono tra il 1980 e il 1981. La stessa fine fecero Enzo Limongi, il cognato, la sorella Milva, il figlio Mirko, l’amante della sorella e il pastore Vargiu. Tutti morti nel 1993.

Leggi anche -> Veronica Panarello, nuove accuse al suocero: spuntano due testimoni

Malatesta è più che sicuro che gli omicidi siano da ricondurre al Mostro di Firenze. L’uomo sostiene che il padre venisse picchiato dallo zio Antonio e da Pietro Pacciani. Quest’ultimo avrebbe anche violentato sua madre. Secondo altre indiscrezioni, il padre Renato aveva la nomea di “guardone” ed è possibile che potesse aver visto qualcosa riguardo i delitti del Mostro.

Sempre Malatesta avrebbe avanzato l’ipotesi che suo zio potesse essere il responsabile del duplice omicidio dell’81. I periti balistici avevo evidenziato che il responsabile dovesse essere un uomo di bassa statura, come lo zio.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

C’è poi la sorella dello zio, Maria, che era sposata con Bruno e che sarebbe stata la responsabile della morte degli zii. Una storia che era stata raccontata a Malatesta dalla madre e dalla sorella Milva.

Dopo la morte del padre, lui, la sorella e la madre si trasferirono a San Casciano. Proprio lì, nel loro stesso palazzo abitava anche il mago Salvatore Indovino. Secondo Malatesta, Indovino avrebbe svolto nel suo appartamento delle messe nere e riti orgiastici. A questi eventi avrebbero partecipato Pacciani, Vanni, Lotti e anche dei carabinieri.

Leggi anche -> Denise Pipitone come Cucchi: “Chi sa qualcosa nelle forze dell’ordine parli”

Questa tesi è stata confermata anche da Gabriella Ghiribelli, un’amica del mago e donna delle pulizie: “Vedevo cose strane. C’erano inequivocabili tracce di cos’era successo la notte. Nella stanza, appena si entra, c’erano ceri spenti, una stella a 5 punte disegnata in terra con il carbone, un’indicibile sporcizia e confusione dappertutto”. La donna aveva parlato anche di un cartellone ovale con lettere e numeri. Un cartellone simile fu ritrovato anche dalla Squadra anti-Mostro nell’abitazione di Pacciani.

Riguardo la storia di Malatesta, arriva il commento di Michele Giuttari che era a capo della Squadra anti-Mostro. ” Tutte le morti (…) sono sostanzialmente oscure e non hanno avuto una loro definizione. Nessuna soluzione sotto il profilo giudiziario. Mentre sotto il profilo fattuale possono, a mio giudizio, considerarsi con tutta probabilità legate alla vicenda del Mostro”.