The Magical Mystery Band: chi sono i musicisti di Max Gazzé

0
350

I componenti del super gruppo The Magical Mystery Band: chi sono i musicisti di Max Gazzé in questa nuova avventura discografica.

(screenshot video)

Lo abbiamo visto salire insieme a loro nel corso della serata dei duetti dell’ultima edizione del Festival di Sanremo. Insieme hanno portato sul palco ‘Del mondo’, uno dei brani più belli e intensi dei CSI, gruppo rock guidato da Giovanni Lindo Ferretti. Lui è Max Gazzé, uno dei più amati cantautori italiani, loro sono i componenti di The Magical Mystery Band.

Leggi anche –> Maria Chiara Carrozza: prima donna presidentessa CNR, chi è

Il più noto di loro, in una veste inedita, è sicuramente Daniele Silvestri, che della band della quale fa parte in questo nuovo progetto discografico ha raccontato la genesi e gli elementi che accompagnano lui e il suo amico Gazzé. Affianco ai due cantautori romani, ci sono sicuramente alcuni dei nomi più noti del panorama musicale italiano, musicisti a tutto tondo con un pedigree invidiabile.

Leggi anche –> Coronavirus, ipotesi governo: dal 26 aprile zone gialle e riaperture serali

Chi sono i componenti di The Magical Mystery Band, il super gruppo di Gazzé e Silvestri

Un altro componente famoso della Magical Mistery Band che appunto farà parte di questo nuovo viaggio è Fabio Rondanini, batterista di Afterhours e Calibro 35, oltre che della Propaganda Orchestra, la band di Propaganda Live. Sempre dal programma condotto da Zoro e Makkox su LA7 arriva il bassista Gabriele Lazzarotti. C’è quindi un artista molto apprezzato dalla critica, ovvero Duilio Galioto, pianista e compositore, collaboratore di numerosi artisti e autore di colonne sonore. Completano il quadro il chitarrista Daniele Fiaschi e il polistrumentista Daniele Tortora.

Per Max Gazzé esibirsi con questa superband – ha spiegato in una recente intervista – “è stato soprattutto un privilegio”. Il cantautore romano l’ha definita “un’occasione cercata e creata seguendo tutti i protocolli del caso”. Quindi ha chiosato: “La pandemia ci ha regalato il tempo giusto per poter suonare tutti insieme nella stessa stanza, con un mix di strumenti vintage e nuove tecnologie”. Sul nuovo disco ha infine assicurato: “Ci lega un’alchimia magica, frutto forse del fatto di essere cresciuti con un approccio simile verso la musica”.