Molestie sui mezzi pubblici, la lettera di denuncia partita da Genova

0
141

Molestie sessuali sui mezzi di trasporto pubblico: la Liguria ha deciso di avviare un tavolo di lavoro urgente grazie alla lettera diventata virale sui social.

Lo scorso 30 marzo a Genova è avvenuto l’ennesimo episodio di molestia sessuale a bordo di un mezzo del trasporto pubblico AMT. Verso le 09:30 del mattino, in zona Fanti d’Italia, una ragazza di 23 anni è scappata dall’autobus con cui si stava recando a lavoro dopo che un uomo ha iniziato a masturbarsi davanti a lei. Una volta scesa dal mezzo, Kimberly (questo il nome della protagonista dell’orribile vicenda) ha notato che lo stesso uomo aveva iniziato a seguirla. Appena lui è entrato all’interno di un bar poco distante lei è tornata indietro, e ha chiesto aiuto a tre autisti AMT Genova fermi nei pressi del capolinea dell’autobus linea 7. Non c’è stata nessuna risposta se non quella di chiamare i Carabinieri per sporgere denuncia, consiglio che Kimberly ha deciso di ascoltare. Ma il coraggio di aver deciso di sporgere denuncia non è stato ripagato come avrebbe dovuto: in Caserma, infatti, il carabiniere incaricato di accogliere la storia di Kimberly ha deciso di commentare l’accaduto dicendole “Oh, poverina. Però posso permettermi di farle un complimento? Lei è davvero una bella ragazza”.

Molestie sessuali a bordo dei mezzi di trasporto pubblico, la lettera di Benedetta Castellaro arriva in Consiglio Regionale

L’episodio avvenuto a bordo dell’autobus e il commento del carabiniere sono state le gocce che hanno fatto traboccare un vaso pieno di storie orribili. A sostegno di Kimberly è intervenuta la sua migliore amica di tutta la vita, Benedetta Castellaro, che ha scritto una lunga lettera di denuncia indirizzata al presidente della Regione Liguria Giovanni Toti e al sindaco della città di Genova, Marco Bucci.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Benedetta Castellaro (@b.meztli)

“Le testimonianze che ho riportato in questa lettera sono solo sei, ma in poche ore ne ho raccolte più di venti. Io, una sconosciuta, da sola con i suoi profili social seguiti da un pugno di gente, ho raccolto ventuno denunce in mezza giornata. Ho ascoltato e letto più di ventuno racconti, ho offerto il mio sostegno, non ho chiesto come fossero vestite quel giorno. Non ho detto a nessuna “Consolati, sei una bella ragazza”. Se io ho fatto questo, cosa potete fare voi? ha scritto Benedetta Castellaro, nella lettera che potete leggere nel post di Instagram riportato.

Potrebbe interessarti leggere anche quello che abbiamo scritto qui —> Massimo Galli furioso per le riaperture: il rischio è stato calcolato male

La lettera è stata portata in consiglio Comunale da Cristina Lodi, consigliera PD, appoggiata da Maria Tini (M5S) e Gianni Crivello (Lista Crivello). Pochi giorni dopo anche Pippo Rossetti (PD) ha portato la stessa lettera in consiglio regionale. Benedetta Castellaro ha scritto sul suo profilo Instagram: “Questo pomeriggio la Giunta Regionale e il Presidente della Regione Liguria Giovanni Toti hanno promesso di impegnarsi per l’attivazione di un tavolo di lavoro urgente tra Regione, centri antiviolenza, Ufficio Scolastico Regionale, Università , forze dell’ordine e organizzazioni sindacali con l’obiettivo di programmare azioni di sensibilizzazione e formazione rivolte a tutta la cittadinanza ligure, per riconoscere, affrontare e superare le situazioni di molestie che le donne sono costrette a subire quotidianamente”. Oggi, dunque, non resta che aspettare l’effettiva istituzione di quanto promesso.