Mario Draghi sul Recovery Plan: “Piano da 248 miliardi di euro”

0
65

Il premier Mario Draghi presenta il Recovery Plan nel suo intervento alla Camera di oggi: “Piano da 248 miliardi di euro”.

(screenshot video)

Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, nelle comunicazioni fatte in questi minuti alla Camera sul Recovery Plan, ha voluto sottolineare che il piano “ha effetti significativi sulle principali variabili economiche”, con un aumento del PIL del 3,6% rispetto alle stime qualora questo piano non venisse attuato. Aumenterà anche anche in maniera evidente l’occupazione.

Leggi anche –> No al Coprifuoco, a Firenze si balla in pieno centro: arriva la Polizia

“L’accelerazione della crescita potrà essere superiore se riusciamo ad attuare delle riforme adatte”, ha quindi spiegato il premier, sottolineando che il piano complessivamente è da 248 miliardi di euro. Sottolinea Draghi: “Sbaglieremmo tutti a pensare che il Pnrr pur nella sua storica importanza sia solo un insieme di progetti, di numeri, scadenze, obiettivi. Nell’insieme dei programmi c’è anche e soprattutto il destino del Paese”.

Leggi anche –> Controlli, carabinieri multano poliziotti per assembramento al bar

Draghi presenta il Recovery Plan: il suo intervento alla Camera

I maggiori impulsi devono arrivare – ha spiegato Mario Draghi – dalla stessa società civile italiana, con l’obiettivo di “riparare i danni della pandemia”. Ha quindi evidenziato come occorre abbattere il cosiddetto digital divide: un progetto rivolto a uomini e donne che vivono in territori dove oggi ci sono difficoltà di connessione. Il successo del Recovery Plan, prosegue Draghi nel suo intervento, più volte interrotto dagli applausi, ha bisogno di uno “sforzo corale”.

Per quanto riguarda la transizione ecologica, in un Paese come il nostro che più di altri è a rischio, soprattutto idrogeologico, è necessario fare alla svelta anche su questo tema. Il presidente del Consiglio ha sottolineato inoltre che all’interno del piano previsto ci sono”le aspirazioni delle famiglie preoccupate per l’educazione e il futuro dei propri figli. Le giuste rivendicazioni di chi un lavoro non ce l’ha o lo ha perso. Le preoccupazioni di chi ha dovuto chiudere la propria attività”.