Stasera in tv – Amore Criminale: stasera la storia di Giordana Di Stefano

0
72
Veronica Pivetti foto
Veronica Pivetti (foto di Stefania D’Alessandro/Getty Images)

Amore criminale stasera in televisione riporta la storia di Giordana Di Stefano, giovane donna uccisa dall’ex fidanzato, oggi 29 aprile

Il programma di approfondimento condotto da Veronica Pivetti torna in onda stasera con la seconda puntata della nuova stagione. Sei sono le puntate che racconteranno di donne uccise dagli uomini che amavano e che, a loro volta, avevano detto loro di amarle. Attraverso documenti, interpreti e grazie al supporto della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri, la trasmissione darà voce a tutte quelle donne a cui è stato imposto con la violenza di stare zittesu Rai 3 a partire dalle ore 21.20.

Leggi anche —> Stasera in tv | Un passo dal cielo 6 – I Guardiani: trama di oggi, 29 aprile

Amore Criminale, il caso di Giordana Di Stefano

La seconda puntata della stagione 2021 di Amore Criminale è dedicata al racconto di come Giordana Di Stefano, giovane madre che stava studiando per diventare insegnante di flamenco e che venne uccisa per mano dell’ex fidanzato e padre di sua figlia. Luca Priolo, il 6 ottobre 2015, uccise a Nicolosi (Catania) la sua ex compagna, di soli 20 anni, dalla quale si era separato sentimentalmente da tempo. La ragazza aveva rincontrato l’amore e stava rientrando a casa quando il padre di sua figlia la accoltellò per ben 48 volte.

Le denunce per stalking

Giordana si sentiva effettivamente a disagio nel rapportarsi con l’ex fidanzato, fatto dimostrato dalle denunce per stalking nei confronti di Luca Priolo, tuttavia né la ragazza né i familiari di lei si sarebbero mai aspettati una tale furia omicida. Durante le interviste, infatti, i genitori di Giordana hanno riferito di aver fatto fatica a riconoscere il volto della propria figlia poiché l’omicida l’aveva brutalmente sfigurata. Nonostante a processo fosse stata invocata l’infermità mentale dai legali dell’assassino, la Suprema Corte di Cassazione ha confermato la condanna a trent’anni di carcere per l’imputato, pena massima in caso di rito abbreviato.