Decreto sostegni bis, nuovo bonus da 1600 euro: i destinatari

0
34

l premier Mario Draghi, in conferenza stampa, ha confermato che il decreto sostegni bis che vale 40 miliardi. nuovi bonus

Il decreto sostegni bis è passato all’approvazione del governo. Il decreto sostegni dello scorso aprile non ha soddisfatto tutte le richieste dei cittadini in difficoltà. E’ stato così varato  il decreto sostegni bis. Il decreto è stato chiesto a gran voce da più parti del governo per sostenere con più forza le attività andate in crisi a causa della pandemia. L’investimento di risorse ammonta a 40 miliardi di euro. Sono 13 i miliardi tra queste risorse investite nel mondo del lavoro; 9 miliardi alle imprese per aiuti sul credito e 4 ai lavoratori e alle fasce in difficoltà. Tra le varie misure è stato introdotto un nuovo bonus, dal valore di 1600 euro. Il bonus è destinato, però, soltanto ad una ben precisa categoria. Si tratta dei lavoratori stagionali e di turismo e spettacolo. L’ammontare complessivo è di 737,6 milioni di euro per questo provvedimento. Il bonus sarà inoltrato una tantum alle categorie destinatarie del provvedimento.

Bonus da 1600 euro per stagionali, turismo e sport

Per quanto riguarda due settori particolarmente colpiti dalla pandemia, ossia turismo, stabilimenti termali e commercio, è previsto anche un esonero dei contributi previdenziali. Arriverà un bonus che varia da un massimo di 1600 euro ad un minimo di 540 per i lavoratori del settore dello sport. L’importo complessivo delle risorse immesse è di 155,3 milioni.

Leggi anche > Bonus contributi, i destinatari

Previsto un bonus di 800 euro anche per i lavoratori del settore agricolo. Nella conferenza stampa di presentazione del decreto, il premier Mario Draghi ha manifestato soddisfazione: “È un decreto in parte diverso dal passato, perché guarda al futuro, guarda al Paese che si riapre ma allo stesso tempo non lascia indietro nessuno. Assiste, aiuta”. Poi lo sguardo al futuro: “Ci aspettiamo che la nostra economia abbia un rimbalzo già in questo trimestre, ma per vedere una crescita sostenuta avremo bisogno del Pnrr”.

Leggi anche > Bonus tv, l’aumento