Massimo Gamba, lo scrittore che ha raccontato Alfredino Rampi

0
47

Chi è Massimo Gamba, lo scrittore che ha raccontato la tragedia di Alfredino Rampi, il bambino finito nel pozzo di Vermicino.

Alfredino Rampi

Giornalista professionista, scrittore e autore televisivo, Massimo Gamba è tra coloro che ha messo insieme i vari pezzi del mosaico di una grave tragedia che ha sconvolto l’Italia. Era infatti il 10 giugno 1981, quando a Vermicino, alle porte di Roma, un bambino di appena sei anni, Alfredino Rampi, cadde in un pozzo artesiano.

Leggi anche –> Berlusconi, parole di fuoco: “Il mio male? Sono i giudici”

Quella vicenda dolorosa è entrata nella memoria collettiva italiana. Alfredino Rampi è oggi conosciuto come “il bambino nel pozzo”. Il suo dramma è stato negli anni messo in paragone a gravi episodi simili. Massimo Gamba, in passato ha lavorato come autore e conduttore radiofonico, quella vicenda non l’ha mai davvero dimenticata.

Leggi anche –> Angelo Licheri: chi è l’uomo che tentò di salvare Alfredino Rampi

Il bambino nel pozzo, Alfredino Rampi raccontato da Massimo Gamba

Qualche anno fa, ha pubblicato Vermicino. L’Italia nel pozzo, sulla tragica vicenda del piccolo Alfredino Rampi, un saggio che mette insieme analisi storica, inchiesta e vicende umane correlate a quel grave dramma. Si trattò, come molti ricorderanno, del primo dramma collettivo che l’Italia visse anche da un punto di vista mediatico e televisivo. Con quel bambino in quel pozzo, proprio come racconta bene Gamba, ci finì infatti l’Italia intera.

Fu un momento di passaggio epocale, per la prima volta il dramma di una famiglia divenne davvero dramma collettivo, coinvolgendo di fatto in quella grave tragedia gran parte dell’opinione pubblica. Lo stesso fatto che davanti a quel pozzo artesiano sia arrivato il presidente della Repubblica, Sandro Pertini, la dice lunga sul sentimento di vicinanza e comunità che unì l’intera popolazione del nostro Paese in quei giorni che andarono dal 10 al 13 giugno 1981. Per tale ragione, ancora oggi ricordare quella vicenda, gli errori che vennero commessi, le responsabilità sempre sottaciute, è ancora più importante.