Wimbledon: Fabio Fognini batte Albert Ramos, prossimo avversario

0
360

Primo turno di Wimbledon, Fabio Fognini batte Albert Ramos-Vinolas: chi è il prossimo avversario.

(Paul Harding/Getty Images)

Prima giornata del torneo di Wimbledon, il torneo di tennis su erba e non solo più famoso e importante al mondo, senza dubbio in chiaroscuro per l’Italia: gli azzurri hanno avuto una sola gioia e un paio di dolori. Soddisfazione per Andreas Seppi, il numero 90 al mondo, che a 37 anni suonati ha ancora qualcosa da dire. Male invece altri due azzurri.

Si tratta nello specifico del marchigiano Stefano Travaglia, ma soprattutto di Jannik Sinner, che anche ieri ha deluso e non ha rispettato le attese della vigilia. Certo, di fronte c’era l’ungherese Marton Fucsovics, un avversario tosto, ma dall’altoatesino, che punta decisamente a diventare uno dei migliori tennisti al mondo ci si aspetterebbe più continuità. Ha iniziato a giocare ieri, ma la sfida si è chiusa oggi anche Fabio Fognini.

Leggi anche —> Matteo Berrettini fidanzata, chi è Ajla Tomljanovic: la bellissima collega

Avanza Fabio Fognini: battuto Albert Ramos-Vinolas, chi sarà il suo prossimo avversario

(Adam Pretty/Getty Images)

Il 34enne, un veterano del nostro tennis, ha letteralmente schiantato il suo avversario in appena due ore di gioco e tre set, chiudendo il primo set soltanto al tie-break, ma poi travolgendo l’avversario al secondo set e mantenendo bene anche nel terzo set. Di fronte Fognini non aveva propriamente l’ultimo arrivato: sfidava infatti lo spagnolo Albert Ramos-Vinolas, classe 1988, anche lui un tennista esperto.

Lo spagnolo numero 39 al mondo peraltro ha come best ranking una posizione numero 17 nella classifica ATP che ha raggiunto nel 2017. Insomma, per Fabio Fognini buona la prima e adesso nel secondo turno attende il vincente della sfida tra un altro esperto tennista, come l’uruguaiano Pablo Cuevas, e il serbo Laslo Djere. Oggi scendono in campo intanto altri italiani: Lorenzo Musetti, Salvatore Caruso, Gianluca Mager e Lorenzo Sonego.