Sorpresa, dopo il Cashback rischia anche la Lotteria

0
214

La lotteria degli scontrini presto potrebbe essere sospesa. Corte dei conti: “L’adesione è risultata alquanto limitata e settoriale”

cashback soldi

Dopo il Cashback, sospeso fino al 31 dicembre, a rischiare la sospensione o la definitiva eliminazione potrebbe essere la Lotteria degli Scontrini. Rispetto al Cashback, infatti, questa iniziativa nn ha riscosso grosso successo. Probabilmente è stata anche poco promossa o non promossa adeguatamente. la maggioranza delle persone non sono a conoscenza della Lotteria. L’idea è quindi di investire queste risorse in altri settori. Del resto, la Corte dei conti nel Rapporto 2021 sul coordinamento della finanza pubblica, ha precisato che: “L’adesione alla lotteria degli scontrini è risultata al momento alquanto limitata e settoriale“.

Lotteria degli scontrini verso l’addio

Un approfondimento è stato effettuato anche da Confcommercio Pistoia e Prato: “Pochissimi sono stati i clienti che hanno richiesto di partecipare, piuttosto la maggior parte si è dimostrata del tutto disinteressata alle modalità di “estrazione a premi”. Diverso, invece, l’approccio utilizzato con il cashback che ha portato tanti clienti a preferire i pagamenti con pos e carte. Nonostante ciò, il 90% delle aziende del territorio ha predisposto i propri strumenti per dare la possibilità di aderire alla Lotteria, con costi che per oltre il 60% si sono attestati fra le 100 e le 300 euro”

Leggi anche > Super Cashback, chi sono gli esclusi

La Lotteria degli scontrini, quindi, non durerà ancora molto mentre per il Cashback c’è stata una sospensione per rivedere alcune regole. Da gennaio 2022 dovrebbe riprendere.

Leggi anche > Cashback, cosa accade in caso di pareggio

Confcommercio ha poi ricordato che le attività vanno messe in condizioni di attrezzarsi per i pagamenti digitali: “Se la scelta è di percorrere la strada di diffondere la cultura dei pagamenti telematici, è indispensabile prima dare la possibilità a tutte le attività di allinearsi senza ulteriori aggravi o spese da sostenere, sia sul fronte degli strumenti, sia su quello delle commissioni”.