Olimpiadi Tokyo, Daniele Garozzo è argento nel fioretto

0
132

Un’altra medaglia azzurra alle Olimpiadi Tokyo, il siciliano Daniele Garozzo è argento nel fioretto maschile individuale.

(Elsa/Getty Images)

Arriva dalla scherma un’altra medaglia azzurra a queste Olimpiadi: finora la selezione tricolore aveva vinto un oro con Vito Dell’Aquila nel taekwondo, categoria -58 kg, tre argenti con Luigi Samele nella sciabola, Diana Bacosi nello skeet e con la 4×100 stile libero nel nuoto, e quattro bronzi. Otto medaglie in tutto e ottava posizione nel medagliere.

Leggi anche –> Olimpiadi Tokyo, Luigi Samele è argento nella sciabola

In finale oggi nel fioretto individuale c’è il siciliano Daniele Garozzo, un atleta esperto e che ha già un’olimpiade vinta. Infatti, è proprio lui il detentore della medaglia d’oro conquistata alle Olimpiadi di Rio 2016. Insomma, cinque anni dopo, una nuova incredibile chance per l’azzurro che – fatti salvi gli ottavi di finale – oggi ha dominato negli altri turni.

Leggi anche –> Olimpiadi Tokyo, Vito Dell’Aquila è oro nel taekwondo 58 kg

Com’è andata tra Daniele Garozzo e Cheung Ka Long nel fioretto

Netta la vittoria nella semifinale dell’azzurro contro Takahiro Shikine, il giapponese classe 1997 con cui non è quasi mai andato in difficoltà. In finale si è trovato davanti Cheung Ka Long, sicuramente anche questi un avversario alla portata. Nel 2017, il fiorettista di Hong kong vinse infatti i Mondiali juniores, a testimonianza che il talento non manca. Ma di certo nessuno si sarebbe aspettato alla vigilia che potesse arrivare fino in fondo.

Partenza buona del siciliano, che allunga sul 4-1 poi però c’è un incredibile black out e così l’avversario scappa via fino addirittura al 5-10. Il parziale di 9 stoccate a una sembra avere davvero mandato in tilt l’azzurro, che però recupera quattro stoccate. Ancora è il suo avversario a piazzare colpi decisivi, ma Garozzo prova a restare nell’incontro fino alla fine. Nel rush finale, invece, Cheung Ka Long piazza i colpi decisivi e chiude 15-11. C’è sicuramente un po’ di delusione per come è andata a finire.