Vaschetta per il bagnetto del tuo bebè: sai come scegliere la migliore?

0
80

La vaschetta per il bagnetto è un accessorio molto utile per l’igiene e la sicurezza del bambino. Fisse, gonfiabili o accessoriate, se ne possono trovare davvero tantissime, ma quali elementi bisogna tenere in considerazione in fase di acquisto?

Il bagnetto è un’attività fondamentale per il bambino in quanto aiuta a rilassarsi e fa praticare attività multisensoriali atte al suo sviluppo neurologico.

vaschetta bagno
Foto da Pixabay

Nei primi mesi, soprattutto, quando si ha la paura che il bambino possa scivolare, si tende a scegliere soluzioni alternative alla vaschetta, come il lavello della cucina, ma è sempre preferibile scegliere l’accessorio adeguato per facilitare le operazioni e ridurre i rischi.

LEGGI ANCHE: Accappatoio: deve essere comodo e resistente. Ecco i migliori per i nostri bambini

Quali sono gli elementi da considerare in fase di acquisto?

In commercio ne esistono tantissimi tipi, si possono comprare sia in negozio che online, ma l’importante è che siano sicure, comode, pratiche e agevoli.

VASCHETTA NEONATO
Foto da Pixabay

La sicurezza è fondamentale per evitare spiacevoli inconvenienti; per questo motivo è bene che l’accessorio sia certificato secondo le disposizioni di legge e che abbia bordi arrotondati e fondo antiscivolo.

Le vaschette, inoltre, devono essere facili da aprire, da svuotare e da pulire.

Se decidete di acquistare la vaschetta non appena il piccolo nasce è bene che questa sia di dimensioni ridotte, preferibilmente a forma di vaso, in modo che l’acqua arrivi al livello delle spalle e non lo copra ulteriormente. Se si compra una vaschetta grande, invece, bisogna accertarsi che sia dotata di un riduttore, acquistabile anche a parte, per poter evitare pericoli al bambino.

Un altro elemento da tenere in considerazione in fase d’acquisto è il posto dove si intende utilizzarla. Le vaschette con le gambe sono comode perché permettono di lavare il piccolo senza sforzo, ma devono rimanere aperte e necessitano di molto spazio. Possono essere appoggiate anche al pavimento, ma al volte sono dotate anche di ripiani d’appoggio per avere le salviette e tutto l’occorrente a portata di mano.

Una valida alternativa per chi ha poco spazio è la vaschetta pieghevole che garantisce un’ottima stabilità e, grazie alle dimensioni ridotte, può essere adattata alla vasca o al piatto doccia per poi essere riposta anche in spazi molto stretti.

Un’ulteriore soluzione per ridurre il problema dell’ingombro è la vaschetta gonfiabile che si può sgonfiare una volta terminato il bagnetto o portare durante le vacanze. Dentro sono dotate anche di un appoggio ergonomico che evita al bambino di scivolare.

Le vaschette di ultima generazione sono dotate di accessori extra, spesso molto utili, come la bilancia integrata o il termometro.

La bilancia permette di pesare il bambino senza che se ne accorga, mentre il termometro permette un controllo constante della temperatura ed evita che il bambino si scotti o venga immerso in acqua troppo fredda.

Ultimo consiglio riguarda la pulizia della vaschetta che deve essere lavata e igienizzata dopo ogni utilizzo.

Per prima cosa si sciacqua con acqua calda e disinfettante, evitando con accuratezza agenti aggressivi. Si passa poi con spugna e si lascia asciugare all’aria. Solo dopo averla passata con un panno per eliminare le tracce di bagnato si può riporre.

LEGGI ANCHE: Vestire i bambini per un pigiama party: 3 idee di pigiami per un outfit super originale

vaschetta bimbo
Foto da Pexels

Con la vaschetta comoda e profumata anche i bambini più restii ameranno farsi il bagno!