in , ,

Serena Grandi

Serena Faggioli, meglio conosciuta da tutti come Serena Grandi, è una famosa attrice italiana

Chi è

  • Nome: Serena Faggioli, meglio conosciuta da tutti come Serena Grandi 
  • Età: 62 anni 
  • Data di nascita: 23 marzo 1958
  • Professione: attrice e personaggio TV
  • Luogo di nascita: Bologna 
  • Segno zodiacale: ariete
  • Profilo Instagram ufficiale: @serena.grandi 

Biografia

Serena Faggioli, che tutti oggi conoscono come Serena Grandi, nasce a Bologna nel 1958. Diventa programmatrice informatica e inizia a fare qualche lavoretto, ma il suo sogno più grande è quello di riuscire a diventare attrice. Segue corsi di recitazione e di dizione e partecipa anche ad alcuni stage. Riesce così ad ottenere qualche parte, come quella in “Tu mi turbi” e “Malamore”, senza dimenticare il sexy varietà di Rai 2 dal titolo “Il cappello sulle ventitrè”. 

Nel 1985 Serena Grandi incontra Tinto Brass che le offre la parte della protagonista in “Miranda”. Con questo ruolo Serena Grandi riesce a diventare uno dei volti più noti in Italia, icona di abbondanza e sensualità. Nel corso degli anni successivi continua a lavorare come attrice in film e fiction televisive, una carriera la sua lastricata di successi.

View this post on Instagram

@vanity…..

A post shared by Serena 🌈 💋🌺❤️ (@serena.grandi) on

Lavoro e carriera

Ecco tutti i lavori che Serena Grandi ha fatto nel corso degli anni: 

  • “Tranquille donne di campagna”, regia di Claudio Giorgi (1980)
  • “La compagna di viaggio”, regia di Ferdinando Baldi (1980)
  • “La cicala”, regia di Alberto Lattuada (1980)
  • “Mia moglie è una strega”, regia di Castellano e Pipolo (1980)
  • “Sono fotogenico”, regia di Dino Risi (1980)
  • “Antropophagus”, regia di Joe D’Amato (1980) con lo pseudonimo Vanessa Steiger
  • “Teste di quoio”, regia di Giorgio Capitani (1981)
  • “Pierino colpisce ancora”, regia di Marino Girolami (1982)
  • “Pierino la peste alla riscossa!”, regia di Umberto Lenzi (1982)
  • “Malamore”, regia di Eriprando Visconti (1982)
  • “Sturmtruppen 2 – Tutti al fronte”, regia di Salvatore Samperi (1982)
  • “Tu mi turbi”, regia di Roberto Benigni (1983)
  • “Acapulco, prima spiaggia… a sinistra”, regia di Sergio Martino (1983)
  • “Un ragazzo e una ragazza”, regia di Marco Risi (1984)
  • “Le avventure dell’incredibile Ercole”, regia di Luigi Cozzi (1985)
  • “Miranda”, regia di Tinto Brass (1985)
  • “Desiderando Giulia”, regia di Andrea Barzini (1986)
  • “La signora della notte”, regia di Piero Schivazappa (1986)
  • “Teresa”, regia di Dino Risi (1987)
  • “Rimini Rimini”, regia di Sergio Corbucci (1987)
  • “L’iniziazione”, regia di Gianfranco Mingozzi (1987)
  • “Le foto di Gioia”, regia di Lamberto Bava (1987)
  • “Roba da ricchi”, regia di Sergio Corbucci (1987)
  • “Abbronzatissima”, regia di Lorenzo Onorati (1987)
  • “L’insegnante di violoncello”, regia di Lorenzo Onorati (1989)
  • “In nome del popolo sovrano”, regia di Luigi Magni (1990)
  • “Per odio, per amore”, regia di Nelo Risi (1991)
  • “Donne sottotetto”, regia di Roberto Giannarelli (1992)
  • “Saint Tropez – Saint Tropez”, regia di Castellano e Pipolo (1992)
  • “Graffiante desiderio”, regia di Sergio Martino (1993)
  • “Delitto passionale”, regia di Flavio Mogherini (1994)
  • “La strana storia di Olga O”, regia di Antonio Bonifacio (1995)
  • “Gli inaffidabili”, regia di Jerry Calà (1997)
  • “Ladri si nasce”, regia di Pier Francesco Pingitore (1997)
  • “Monella”, regia di Tinto Brass (1998)
  • “Radiofreccia”, regia di Luciano Ligabue (1998)
  • “Il papà di Giovanna”, regia di Pupi Avati (2008)
  • “Zoè”, regia di Giuseppe Varlotta (2008)
  • “Dopo quella notte”, regia di Giovanni Galletta (2010)
  • “Una sconfinata giovinezza”, regia di Pupi Avati (2010)
  • “La grande bellezza”, regia di Paolo Sorrentino (2013)
  • “My Italy”, regia di Bruno Colella (2017)
  • “Due uomini, quattro donne e una mucca depressa”, regia di Anna Di Francisca (2017)
  • “Tutto liscio”, regia di Igor Maltagliati (2019)

I suoi lavori televisivi invece sono: 

  • “Sogni e bisogni” (1984)
  • “Zanzibar” (1988)
  • “Donna d’onore” (1990)
  • “Piazza di Spagna” (1992)
  • “Il prezzo della vita” (1995)
  • “Pazza famiglia” (1995)
  • “Le ragazze di piazza di Spagna” (1998)
  • “Anni ’50” (1998)
  • “Ladri si nasce” (1998)
  • “Quo vadis, baby?” (2008)
  • “Una madre” (2008)
  • “Furore – Il vento della speranza” (2018)

Per la televisione è stata anche presente nei seguenti programmi

  • “Il cappello sulle ventitré” (Rai 2, 1983-1984)
  • “Premiatissima” (Canale 5, 1986)
  • “Paperissima Sprint” (Italia 1, 1990)
  • “Il ristorante” (Rai 1, 2004-2005) come concorrente
  • “Domenica Live” (Canale 5, dal 2016) come opinionista
  • “Pomeriggio Cinque” (Canale 5, dal 2016) come opinionista
  • “Grande Fratello VIP” (Canale 5, 2017) come concorrente

Ha lavorato anche in teatro in:

  • “Celestina… gatta, gattina”, di Dino Verde, Bruno Broccoli e Gustavo Verde, regia di Daniele D’Anza (1982)
  • “Voglia matta”, testo e regia di Attilio Corsini (1996)
  • “Molto rumore per nulla”, di William Shakespeare, regia di Domenico Pantano (2017)

Vita privata

Serena Grandi si è sposata nel 1987 con Beppe Ercole, arredatore e antiquario, un tempo vero e proprio playboy. Dalla loro unione è nato un figlio, Edoardo. Il loro matrimonio è durato fino al 1993. 

Di recente Serena Grandi ha scoperto di avere un tumore al seno in un modo piuttosto strano “Avevo in previsione un intervento estetico alla pancia per sistemarla un po’ e i medici hanno proposto di aggiungere un lifting al seno, ma quando hanno aperto hanno trovato un carcinoma di 5 centimetri di cui non sapevo nulla. Erano loro che dovevano saperlo e vederlo, non io che faccio l’attrice. Hanno chiuso e poi riaperto, giocando con la mia salute”. 

Curiosità 

  • Nel 2003 è stata accusata per detenzione e spaccio di cocaina e arrestata. È stata prosciolta dalle accuse in quanto ha ammesso di aver acquistato stupefacenti in una minima quantità e per uso personale. 
  • Serena Grandi ha pubblicato anche un romanzo dal titolo “L’amante del federale”

Video e voci correlate 

Cristiana Girelli

Tess Masazza