Milan, l’incredibile gesto di Mandzukic: l’attaccante sorprende tutti

0
228

A Casa Milan sta facendo discutere in queste ore l’incredibile gesto di Mario Mandzukic: l’attaccante sorprende tutti.

(Gabriele Maltinti/Getty Images)

Quella di Mario Mandzukic al Milan è stata finora un’esperienza incolore: l’attaccante croato classe 1986 – al contrario di un altro calciatore esperto come Zlatan Ibrahimovic – si è fatto vedere poco o per nulla. Da gennaio a oggi, ovvero da quando è tornato in Italia, dopo la parentesi all’Al-Duhail Sports Club, nel Qatar, in campo il croato è sceso davvero poco.

Leggi anche –> Maria Chiara Carrozza: prima donna presidentessa CNR, chi è

Le sue presenze con la maglia rossonera sono state appena cinque, quattro in campionato e una in Europa League, in nessuna di queste è andato peraltro a segno. Ma da grande campione qual è, Mario Mandzukic fa adesso parlare di sé per un gesto che ha fatto in un momento davvero di difficoltà economica per l’intero mondo dello sport, dal quale il calcio non appare in alcun modo esonerato.

Leggi anche –> The Magical Mystery Band: chi sono i musicisti di Max Gazzé

Cosa ha fatto Mario Mandzukic: il gesto di cuore dell’attaccante rossonero

(Marco Luzzani/Getty Images)

228 reti in 576 presenze in squadre di club, forse Mandzukic è uno dei bomber più amati della sua generazione, che in carriera ha vinto praticamente tutto, in particolare quando ha vestito le maglie della sua Dinamo Zagabria, della Juventus e soprattutto del Bayern Monaco, con cui ha alzato al cielo anche una Champions League e un Mondiale per club. Questo evidentemente non è il suo anno e anche per via delle sue condizioni fisiche è un po’ tenuto a margine del progetto rossonero.

Ma l’attaccante è un campione anche fuori dal campo, così sta facendo scalpore la sua scelta di rinunciare a ricevere la retribuzione del mese di marzo, proprio perché infortunato e quindi non impiegabile. Il Presidente del Milan Paolo Scaroni si è complimentato con l’attaccante, parlando di “un gesto d’eccezione”, che dimostra “l’etica e la professionalità” del giocatore, oltre al suo attaccamento alla società rossonera. Il numero uno del Milan spiega quindi: “Il Club avrà così la possibilità di sostenere ulteriormente la Fondazione Milan per progetti a favore di giovani in condizioni di fragilità socio-economica ed educativa, in cui lo sport è strumento di inclusione sociale”.