Regione a rischio riaperture, niente zona gialla dal 26 aprile

0
292

Riaperture del 26 aprile, la Campania rischia di restare in zona arancione anche dopo il 26 aprile: il punto

Il 26 aprile ci saranno le riaperture di numerosi esercizi commerciali (bar, ristoranti) ma anche di cinema, teatri e musei. Il tutto, però, è legato sempre alle zone a colori. Le riaperture sono possibili in zona gialla, riattivata e rivisitata dal governo la scorsa settimana e potenzialmente in vigore dal 26 aprile. Non tutte le regioni, però, potranno fare il passo, il famigerato rischio calcolato di cui ha parlato il premier Mario Draghi. Tra queste c’è la Campania, da poco approdata in zona arancione. Stando alla curva dei contagi Covid-19 i campani rischiano di rimanerci ancora non riaprendo le attività previste dalla zona gialla per la prossima settimana.

Campania, la regione non vede ancora le aperture

Il nodo è la zona metropolitana di Napoli. Quest’area, densamente abitata, specie nell’area a nord del capoluogo, è sopra la soglia per la quale è prevista la zona rossa con 259 casi positivi su 100mila. Inoltre, nell’ultima settimana si è registrato un incremento. Sul fronte vaccini, la Campania sta accelerando nelle ultime giornate. L’intenzione è quella di concludere con gli over 80 rimasti e con i fragili nel giro di quindici giorni. Nel frattempo va avanti anche la somministrazione ad over 60 e 70. Complessivamente sono stati vaccinati con la prima dose 953.131 cittadini campani. Di questi 368.669 hanno ricevuto la seconda dose. Le somministrazioni totali effettuate fino ad oggi sono state, in totale, 1.321.800. Nella giornata di ieri si è registrato un incremento dei positivi rispetto ai tamponi effettuati. Raggiunta la percentuale del 13%.

Leggi anche > Nuove aperture, l’esperta lancia l’allarme

Sono stati, infatti, 1.334 positivi su 9.934 tamponi molecolari esaminati, 366 in meno di ieri con 7.607 tamponi processati in meno. In percentuale, significa che è positivo il 13,43% dei test, quattro punti percentuali in più di ieri quando l’indice di contagio era al 9,69%. Di tutti questi nuovi positivi, 811 sono asintomatici e 523 avvertono dei sintomi.

Leggi anche > Usa, risale la curva nonostante i vaccini