“Papà ha sparato alla gente”: racconto choc di una bimba di 9 anni

0
1187

Il papà di una bambina di soli 9 anni, Joseph McCrimon, avrebbe ucciso tre suoi familiari prima di puntare la pistola contro se stesso. 

La piccola Solei Spears, 9 anni, si è salvata per un pelo, nascondendosi in un armadio. Ha detto ai poliziotti che “papà è venuto al mio compleanno e ha sparato alla gente”, dopo aver ucciso sua madre e 2 sorellastre. Joseph McCrimon, 46 anni, a Brooklyn, New York, lunedì sera ha vissuto uno choc di cui porterà i segni per il resto della sua vita.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Il papà alla festa di compleanno dopo gli orribili delitti

La straziante chiamata al 911 è stata fatta dalla bambina lunedì scorso sul tardi, dopo che suo papà, Joseph McCrimon, 46 anni, avrebbe ucciso tre dei suoi familiari prima di puntare la pistola contro se stesso. Il tragico omicidio-suicidio è avvenuto in un condominio a Brooklyn durante la festa di compleanno della bimba. La madre 45enne di quest’ultima, Rasheeda Barzey, e le altre due figlie, Chloe Spears, 16 anni, e Solei Spears, 20, sono tutte morte sul posto, ha confermato il Dipartimento di Polizia di New York.

McCrimon, che non era il padre delle ragazze più grandi, si è poi sparato alla testa. Il capo degli investigatori del NYPD, James Essig, ha riferito che i poliziotti hanno trovato la figlia di nove anni di McCrimon nascosta in un armadio quando sono arrivati ​​all’appartamento intorno alle 23:20 di lunedì. Ha anche detto che ha chiamato i servizi di emergenza sanitaria per informarli della strage.

Leggi anche –> Tragedia a Crotone: bambina di 6 anni mangia una cotoletta e muore

Secondo il New York Post, McCrimon aveva una precedente condanna per omicidio colposo: ha scontato diversi anni di carcere per aver sparato a Eugene Grant Jr, 28 anni, un padre sposato di cinque figli, nel 1993. Una vicina di casa ha raccontato che la coppia aveva avuto in passato discussioni “davvero brutte”, ma “la scorsa notte non si sono sentite parole, nessuna discussione. Solo colpi di pistola e gemiti”.

Leggi anche –> Regione a rischio riaperture, niente zona gialla dal 26 aprile