Pensione a 62 anni, cambia tutto per favorire il ricambio generazionale

0
1370

Pensione: le Imprese chiedono al governo un ampliamento del contratto d’espansione per favorire il ricambio generazionale.

Tra le varie opportunità di anticipo pensione, nella legge di bilancio 2021 è stato inserito anche il contratto d’espansione. Si tratta di una misura che permette alle aziende private di mandare in pensione i dipendenti più anziani con qualche anno di anticipo al fine di favorire le assunzioni dei giovani e delle donne e di rinnovare il personale per aggiornare le competenze e favorire la crescita delle imprese.

Nell’incontro tra Mario Draghi e il presidente di Confindustria Bonomi dello scorso 20 aprile, le imprese hanno avanzato una richiesta per accelerare il rinnovo generazionale ed il ricambio. Le imprese hanno chiesto al governo di poter portare a 5 gli anni di anticipo della pensione e di aumentare a 50 il numero di dipendenti che è possibile sostituire. Inoltre sono state chieste agevolazioni per le assunzioni di giovani e donne, così da rendere più semplice per le imprese il ricambio generazionale.

Pensione a 62 anni: la posizione dei sindacati sulla proposta di Confindustria

Trattandosi di un contratto con i sindacati, per l’ulteriore modifica del contratto d’espansione era logico cercarne l’appoggio. La possibilità di allargare la platea di beneficiari del contratto d’espansione, così come la richiesta di aggiungere degli incentivi alle assunzioni sono idee che trovano l’appoggio dei vari sindacati. In un recente incontro tra Landini e Orlando si è discusso proprio di come fare ad incentivare misure alternative ai licenziamenti e il contratto d’espansione è stato uno degli argomenti principali.

Leggi anche ->Stasera in tv – Cartabianca: ospiti e anticipazioni di oggi, 20 Aprile

Che la misura possa essere funzionale alle imprese e favorevole ai dipendenti lo dimostra il fatto che le grandi aziende come Tim, Eni e Ericsson ne hanno usufruito in questi mesi. Allargare la platea alle piccole aziende (fino a quelle che hanno 50 dipendenti) dunque, potrebbe essere un grosso incentivo al cambio generazionale nel mondo del lavoro. Nel caso si giungesse a questo allargamento, infatti, sarebbero ben 20mila in più le aziende che ne potrebbero usufruire.

Leggi anche ->Superbonus 110, si punta a proroga e snellimento dell’iter: i dettagli

Le stime sul costo di una simile misura mostrano una copertura necessaria di 800-900 milioni di euro. Cifra che potrebbe essere inserita solo a partire dal 2022 con la prossima legge di bilancio. In questa, infatti, si dovrà decidere se rendere il contratto d’espansione una misura fissa o semplicemente di prolungarla. Questa è stata inserita in via sperimentale nel 2019 e scade a dicembre 2021.