Stasera in tv – Amore Criminale: stasera la storia di Manuela Bailo

0
406
Veronica Pivetti foto
Veronica Pivetti (foto di Stefania D’Alessandro/Getty Images)

Amore criminale stasera in televisione riporta la storia di Manuela Bailo, donna uccisa dal collega di cui si era innamorata, oggi 22 aprile

Il programma di approfondimento condotto da Veronica Pivetti torna in onda stasera con la prima puntata della nuova stagione. Sei sono le puntate che racconteranno di donne uccise dagli uomini che amavano e che, a loro volta, avevano detto loro di amarle. Attraverso documenti, interpreti e grazie al supporto della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri, la trasmissione darà voce a tutte quelle donne a cui è stato imposto con la violenza di stare zittesu Rai 3 a partire dalle ore 21.20. 

Leggi anche —> Addio ad Helen McCrory: l’attrice di Peaky Blinders ed Harry Potter

Amore Criminale, il caso di Manuela

La prima puntata della stagione 2021 di Amore Criminale dedicata al racconto di come la tormentata storia d’amore di Manuela, bresciana di 35 anni e impiegata in un caf, l’abbia portata a morire per mano di quell’uomo che le aveva fatto tante promesse. Secondo la ricostruzione, Manuela conobbe Fabrizio, sindacalista di 48 anni, sul posto di lavoro. Fra loro iniziò una relazione sulla base di una bugia. L’uomo le disse, infatti, di essere separato quando in realtà aveva una relazione stabile con sua moglie, con la quale aveva due figli.

La dinamica dell’accaduto

Una volta scoperta la verità, il collega le promise che avrebbe divorziato e che la loro storia sarebbe uscita presto dalla clandestinità. Dopo tre anni di promesse, Manuela iniziò a divenire impaziente e nel 2018, durante l’ennesima lite fra i due, l’uomo la uccise a casa di sua madre. Il corpo senza vita venne ritrovato solo mesi più tardi e il sospettato venne arrestato al suo rientro dalle vacanze in Sardegna con la famiglia. L’imputato è stato condannato in via definitiva con il rito abbreviato a 16 anni di carcere, ma a oggi non è stato ancora chiarito se l’omicidio di Manuela fosse stato premeditato, come ipotizzato dal PM, o se si sia trattato di un impeto momentaneo finito in tragedia, come sempre sostenuto dal condannato.