Morto Mario Meoni, lutto in politica: addio al ministro argentino

0
86

Mario Meoni è morto in un grave incidente stradale, lutto in politica: addio al ministro dei Trasporti argentino.

(screenshot video)

Il ministro dei Trasporti argentino Mario Meoni è morto in un incidente stradale nella tarda notte di venerdì. L’incidente è avvenuto mentre il 56enne uomo politico argentino stava guidando da solo verso la sua città natale di Junin, a circa 270 chilometri a ovest della capitale Buenos Aires, secondo i resoconti dei media locali.

Leggi anche -> Nonnino con le squillo a 85 anni, è la seconda volta: “Colpa del vaccino”

La sua Ford Mondeo si è ribaltata dopo che questi ha perso il controllo del mezzo tra le città di Carmen de Areco e San Andres de Giles su una strada statale. Per l’uomo politico argentino non c’è stato quindi nulla da fare. Il ministro Mario Meoni, ex sindaco di Junin, è morto sul colpo.

Leggi anche -> Cashback, chi avanza quando si è a parità di transazioni?

La morte del ministro argentino Mario Meoni: cosa sappiamo del dramma dell’uomo politico

Il presidente argentino Alberto Fernandez ha espresso “grande tristezza” per la sua morte. “Con lui perdiamo un politico completo, instancabile e onesto. Un funzionario esemplare”, ha detto su Twitter, aggiungendo che Meoni era “amato e rispettato”. Meoni è nato nella città di Ascension nel distretto General Arenales della provincia di Buenos Aires il 22 gennaio 1965. Il ministro ha iniziato la sua ascesa politica dopo il ritorno del paese alla democrazia nel 1983.

Successivamente, aveva ottenuto incarichi istituzionali, diventando infine sindaco municipale di Junin e ricoprendo la carica in diverse occasioni. Nel 2016 è diventato direttore della Banca della provincia di Buenos Aires, lasciando l’incarico nel dicembre 2019 per diventare ministro dei trasporti dell’Argentina. Lascia la moglie, Laura Oliva, e i loro figli gemelli, Felipe e Robertino. Grandi sono in Argentina il lutto e lo sconcerto per il decesso dell’uomo politico amato da tanti cittadini.