Ashley Cain, la figlia di 8 mesi è morta: racconto choc sui social

0
5397

L’ex calciatore Ashley Cain ha perso la figlioletta di soli 8 mesi: sui social il racconto di ogni giorno della sua lotta contro la leucemia. 

“Ti terrò sempre nel mio cuore finché non ti potrò tenere di nuovo in paradiso”: con queste parole postate su Instagram Ashley Cain, 30 anni, ex centrocampista inglese e poi star di “Ex On The Beach”, ha detto addio alla sua figlia di otto mesi, Azaylia, morta per una grave forma di leucemia mieloide acuta. Alla bimba era stata diagnosticata la terribile malattia due mesi dopo la sua nascita in agosto, e da quel momento è stata sottoposta a continue e dolorose cure al Birmingham Children’s Hospital. Cure che, purtroppo, non hanno dato l’esito sperato.

La tragedia di Ashley Cain

Nelle ultime settimane le condizioni di salute di Azaylia sono drasticamente peggiorate: sono stati scoperti dei coaguli di sangue nel suo cervello, la piccola piangeva sangue e ha cominciato a trascorrere sempre più tempo in ospedale. I suoi genitori avevano raccolto oltre 1,5 milioni di sterline per sostenere le spese di un viaggio a Singapore per un trapianto salvavita, ma è stato tutto inutile. Azaylia ha sviluppato tumori in tutto il corpo e i genitori hanno deciso di riportarla a casa per starle accanto per il poco tempo che le restava ancora da vivere.

Leggi anche –> Matthew McConaughey, chi è: età, carriera e vita privata dell’attore 

La piccola Azaylia ha ispirato il potente messaggio “Let’s go champ” di suo padre e di recente era stata nominata per un Pride Of Britain Award da migliaia di sostenitori in tutto il mondo. L’ex calciatore e la sua compagna 34enne, la dermatologa Safiyya Vorajee, hanno raccontato sui social la malattia della loro bimba e tutto il loro dolore giorno dopo giorno, ricevendo in cambio tanto affetto e aiuto dei fan.

Leggi anche –> Stasera in tv – Che Tempo Che Fa: ospiti di oggi, 25 aprile

“Mia figlia ha avuto una vita dura da quando aveva otto settimane – ha raccontato l’ex calciatore – , per questo ho voluto che trascorresse l’ultimo periodo della sua vita con noi a casa, cercando di renderlo il più bello possibile”.