Chi è Lucia Rizzi, la Supernanny del nuovo programma su Nove

0
2004

Questa sera inizia il nuovo programma Supernanny, con Lucia Rizzi nel ruolo della tata che educa bambini e genitori!

Da stasera sul Nove si potrà vedere il nuovo programma Supernanny, dedicato all’educazione dei figli. Pare che il reality show sia stato ispirato da SOS Tata, andato in onda per la prima volta nel 2005 (a sua volta derivato dal format originale americano Nanny 911). In ogni episodio di Supernanny, la “tata” Lucia Rizzi incontrerà una famiglia nuova per aiutarla nella gestione ed educazione dei figli (osservando però anche il comportamento degli adulti). Ma chi è Lucia Rizzi?

La supernanny

Lucia Rizzi è una pedagogista e scrittrice italiana nata a Milano il 15 febbraio 1942. La donna, specializzata in pedagogia infantile, è perfetta per il ruolo di “tata” nel programma. In un’intervista con Sorrisi e Canzoni TV, la dottoressa Rizzi ha parlato degli effetti che il Covid ha avuto sui giovani. “Credo che abbia fatto emergere e accentuare problemi già esistenti” ha detto la donna. “In passato la felicità si costruiva sul nulla, sulla semplicità: si giocava con poco ed era una festa cucinare con le mamme o le nonne. Oggi invece i bambini hanno tutto ma non basta mai. L’isolamento ha accresciuto il loro senso di disagio che spesso sfocia in rabbia”.

Leggi anche -> Lorella Boccia, chi è: età, carriera, vita privata, social della ballerina

Lucia Rizzi ha parlato anche dell’uso dei cellulari: “oggi i modelli sono gli influencer e le favole sono state soppiantate dai tutorial. Lasciare uno smartphone in mano a un bambino è molto pericoloso perché non ha gli strumenti per comprendere ciò che vede. Ai genitori consiglio di parlare con i figli. A raccontarsi non devono essere solo i piccoli, ma pure i grandi, mostrando i propri sentimenti”.

Leggi anche -> Stasera in tv – Che Tempo Che Fa: ospiti di oggi, 25 aprile

La donna, però, ha parlato anche dei genitori: “se ci si continua a lamentare, i primi a risentirne sono i bambini. Poi parecchie tensioni si creano perché i genitori stanno troppo addosso ai ragazzi, mentre dovrebbero incentivarne l’autonomia”.