Figc, Norma anti Superlega: chi si iscrive è fuori dalla Serie A

0
98

Pugno duro della Figc, scatta la Norma anti Superlega: chi si iscrive è fuori dalla Serie A, ecco cosa ha stabilito il Consiglio federale.

(Paolo Bruno/Getty Images)

Pugno duro del Consiglio federale della FIGC, che ha accolto una proposta del presidente Gabriele Gravina, contro la cosiddetta Superlega. All’interno delle Norme federali interne, infatti, all’articolo 16, è stata stabilita una nuova norma. Questa appunto dovrebbe frenare velleità di partecipare ad altre competizioni di tipo privatistico e non riconosciute, come può essere considerata la Superlega.

Leggi anche ->Superlega flop, ma il calcio deve dare delle risposte: le questioni aperte

Si legge infatti che ai fini dell’iscrizione al campionato, “la società si impegna a non partecipare a competizioni organizzate da associazioni private non riconosciute dalla Fifa, dalla Uefa e dalla Figc”. In caso contrario, scatterebbe l’esclusione. Questo vale anche se si tratta di tornei amichevoli, che dovranno essere ratificati dalla FIGC.

Leggi anche ->Andrea Agnelli, maxi Tapiro d’oro per il fallimento SuperLega FOTO

Cosa prevede la norma anti Superlega sancita dalla FIGC

Superlega

In base alla nuova norma, dunque, la partecipazione a campionati di natura privatistica “comporta la decadenza dell’affiliazione”. Ovviamente, vale per tutte le categorie, ma è chiaro che la Serie A è quella allo stato attuale maggiormente coinvolta, visto appunto lo spauracchio Superlega, torneo al momento “scongiurato”, ma che potrebbe comunque svolgersi anche in futuro. A tal proposito, Gabriele Gravina precisa: “Al momento non abbiamo notizie di chi è rimasto e chi è uscito”.

Si tratta di una norma che “si riferisce alle licenze nazionali”, insiste Gravina che fissa la data: “E’ evidente che se al 28 giugno, data di scadenza delle  domande di iscrizione, qualcuno dovesse voler partecipare a competizioni di natura privatistica, non prenderà parte al nostro campionato”. E chiosa: “Chi ha interpretato la Superlega come un atto di debolezza da parte di alcune società che vivono un momento di difficoltà economica e insurrezione nel sistema calcio, sbaglia. Sicuramente, è un tema delicato da approfondire”.