Andrea Agnelli, maxi Tapiro d’oro per il fallimento SuperLega FOTO

0
374

‘Striscia la Notizia’ lascia un ‘trofeo’ decisamente ingombrante ad Andrea Agnelli fuori dallo Stadium. Il Tapiro d’oro è gigantesco.

Andrea Agnelli Tapiro d'Oro
Andrea Agnelli Tapiro d’Oro Foto dal web

Andrea Agnelli, arriva l’immancabile Tapiro d’oro da parte di ‘Striscia la Notizia’. Il presidente della Juventus, che solamente domenica 18 aprile 2021 aveva aderito con grande entusiasmo alla SuperLega concepita da alcuni top club del calcio europeo, ha dovuto giocoforza recedere da ogni proposito riguardante questa novità.

Leggi anche –> Superlega, come cambiano gli equilibri in serie A: il ruolo della Juventus

E quello destinato ad Andrea Agnelli non è un Tapiro d’oro comune ma addirittura uno gigante, dalle dimensioni smisurate. L’inviato di ‘Striscia la Notizia’, Valerio Staffelli, lo ha lasciato proprio all’esterno dell’Allianz Stadium, lo stadio della Juve.

La SuperLega ha visto il nipote di Gianni Agnelli tra i suoi principali fautori, tanto è vero che gli era stata assegnata la carica di vicepresidente di questa lega, al fianco di Florentino Perez.

Il presidente del Real Madrid è ritenuto da tutti il grande architetto di questa competizione alternativa alla Champions League della UEFA e che ha suscitato, per tutta risposta, l’ostilità della stessa UEFA oltre che della FIFA ed anche di milioni di tifosi e di organismi politici.

Leggi anche –> Superlega flop, ma il calcio deve dare delle risposte: le questioni aperte

Andrea Agnelli, lui tra i principali sostenitori della SuperLega

Della SuperLega non è piaciuta fin da subito la natura elitaria di questo progetto. Si entra a far parte di questo torneo non per i meriti conseguiti in seguito al piazzamento in classifica nei rispettivi campionati quanto su invito. Una cosa che ha portato diverse squadre ad alzare la voce. Cagliari, Atalanta e Verona hanno chiesto l’esclusione di Juventus, Inter e Milan, le quali hanno inizialmente aderito alla Lega a costo di passare per ‘secessioniste’.

Leggi anche –> Che cos’è questo torneo: quali sono le squadre e la formula previste

Ora le sei squadre inglesi annoverate tra le fondatrici della competizione ‘anti-Champions League’ hanno annunciato ufficialmente la loro rinuncia. Il tutto dopo appena due giorni. Ed Andrea Agnelli ha dichiarato deluso che senza di loro questo torneo non ha senso. Dure le accuse rivolte al presidente della Juventus dal numero uno della UEFA, Aleksander Ceferin.

Lunedì scorso quest’ultimo definì Agnelli ‘falso e bugiardo. Sabato gli chiesi spiegazioni e lui mi rassicurò dicendo che non era sua intenzione aderire. Domenica ho provato a richiamarlo e ha tenuto il telefono spento per tutta la giornata”. Poi l’annuncio dell’ingresso della Juve e delle due milanesi in questo progetto ‘scissionista’, che però è durato pochissimo.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Sul web c’è anche chi ha preso in giro Agnelli e la Juventus tirando in ballo la dichiarazione dello scorso ottobre fatta dal numero uno juventino. “La Juventus rispetta le regole”, affermò in tv il presidente bianconero dopo la partita vinta a tavolino contro il Napoli, che non poté presentarsi per problematiche legate al Covid, su diretta disposizione dell’Asl.