lunedì, Gennaio 30, 2023

Decreto sostegni, bonus 1000 euro per partite IVA: modalità e requisiti

Decreto sostegni, 1000 euro di bonus in arrivo per i possessori di partita IVA: ecco chi può richiederli e come.

Il passato 4 maggio le Commissioni di Bilancio e delle Finanze del Senato, riunite, hanno approvato una serie di nuovi emendamenti che si aggiungono al decreto Sostegni n. 41/2021. Il testo al momento si trova fermo in Parlamento, in attesa di essere convertito in legge se approvato, e contiene una bella novità per i possessori di partita IVA.

Bonus 1000 euro per partite IVA: requisiti per la richiesta

La novità più interessante del decreto è un nuovo bonus economico del valore massimo di 1000 euro, che verrà consegnato ai soggetti precedentemente esclusi dall’erogazione dei contributi a fondo perduto del decreto Sostegni. Per la nuova misura il governo italiano ha stanziato circa 20 milioni di euro. I criteri e le modalità di attuazione verranno definite in maniera dettagliata in un decreto attuativo del ministero dell’Economia.

Potrebbe interessarti leggere anche –> Decreto sostegni bis: arrivano altri bonus e nuovo reddito di emergenza

Per poter richiedere l’indennizzo, che verrà erogato durante il 2021, bisogna assicurarsi di rispettare alcuni requisiti. Prima di tutto, il bonus spetterò solo a chi ha aperto la partita IVA tra l’1 gennaio e il 31 dicembre 2018. I richiedenti dovranno inoltre dimostrare di aver avviato un’attività d’impresa nel corso del 2019, basandosi su quanto risulta dal Registro delle imprese della Camera di Commercio. Per richiedere il nuovo bonus bisognerà dimostrare anche di non aver usufruito dei contributi a fondo perduto previsti dal decreto Sostegni; confrontando l’anno 2019 e il 2020 non deve risultare, dunque, un calo dell’ammontare medio mensile del fatturato pari ad almeno il 30 per cento. I ricavi totali del 2019, infine, non dovranno essere superiori a 10 milioni di euro. Coloro che verranno selezionati per ricevere il bonus dovranno scegliere tra due modalità di erogazione: o ricevere un bonifico sul proprio conto corrente, oppure credito d’imposta.

Può interessarti anche