domenica, Gennaio 29, 2023

Jessica Rossi, chi è la portabandiera italiana alle Olimpiadi di Tokio

Cosa sapere su Jessica Rossi, chi è la portabandiera italiana alle Olimpiadi di Tokio: carriera e curiosità sulla tiratrice azzurra.

(screenshot video)

Sono stati scelti in questi minuti i due portabandiera italiani per le Olimpiadi di Tokyo, in programma in estate. Uno di loro è Elia Viviani, ciclista veneto classe 1989. L’azzurro – che ha vinto l’oro a Rio nell’omnium – sarà affiancato da Jessica Rossi, oro olimpico del trap femminile alle Olimpiadi di Londra 2012, a soli 20 anni, e ora protagonista di una nuova bellissima avventura a cinque cerchi.

Leggi anche –> Alessandro Talotti morto: scomparso l’atleta italiano all’età di 40 anni

L’atleta originaria del ferrarese, ma cresciuta a Crevalcore in provincia di Bologna, ha una storia davvero molto particolare. Infatti, non potendo avere il porto d’armi fino al compimento dei 17 anni, pur di allenarsi ha fatto acquisire il porto d’armi alla madre, che però in vita sua non avrebbe poi mai effettivamente sparato.

Leggi anche –> Elia Viviani, chi è il portabandiera italiano alle Olimpiadi di Tokio

La storia incredibile di Jessica Rossi: scopriamo la tiratrice scelta

A livello internazionale, la giovane campionessa italiana esordisce nel 2007, l’anno dopo arriva sesta ai campionati del mondo. Nel 2009, è ancora minorenne quando realizza una tripletta storica. Infatti, in quell’occasione ha vinto il campionato italiano, il campionato europeo e il campionato mondiale. Da quel momento in poi e praticamente fino a oggi è campionessa indiscussa di tiro, specialmente nella disciplina trap.

Sono tre i titoli mondiali vinti, a cui si aggiunte anche un bronzo, un oro al mondiale juniores, cinque ori e un argento agli europei. Ha vinto anche l’oro ai Giochi del Mediterraneo. Ma la sua soddisfazione più grande se la toglie il 4 agosto 2012: quel giorno la giovane azzurra, a soli 20 anni, conquista l’oro ai giochi olimpici di Londra, con una fase preliminare da record: 75 bersagli colpiti su 75 nelle qualificazioni. Un solo colpo, invece, viene sbagliato in finale. Quella vittoria Jessica Rossi la dedicherà alle vittime del terremoto in Emilia.

Può interessarti anche