Amore Criminale: la storia dell’omicidio di Norina Matuozzo

0
870

Stasera 20 maggio è in onda in tv un nuovo episodio di Amore Criminale, dove sarà raccontata la storia dell’omicidio di Norina Matuozzo.

Questa sera giovedì 20 maggio 2021 andrà in onda su Rai Tre una nuova puntata di “Amore Criminale“, il programma di Matilde D’Errico dedicato alle storie di femminicidio. Nella penultima puntata della trasmissione si parlerà della storia di Norina Matuozzo.

La penultima puntata di “Amore Criminale” ripercorrerà la storia di Norina Matuozzo, una giovane madre originaria di Melito che fu uccisa il 2 marzo 2019 dal marito a casa dei suoi genitori. Salvatore Tamburrino sparò con tre colpi di arma da fuoco contro la madre dei suoi figli, la quale aveva avuto il coraggio di chiedere il divorzio dopo anni di violenze.

LEGGI ANCHE -> Top 10, anticipazioni del 14 maggio 2021: un super ospite stasera FOTO

Stasera in tv, Amore Criminale racconta l’omicidio di Melito

La triste storia di Norina Matuozzo nasce nella città di Melito, dove Salvatore Tamburrino aveva abusato per anni della moglie. Per Norina è il momento di cacciare l’uomo quando scopre che la tradiva con un’altra donna. Si trasferisce dai genitori insieme ai loro figli, ma quando il suo ex va lì per un “chiarimento”, perde la testa e le spara, uccidendola.

LEGGI ANCHE -> Omicidio Nada Cella, nuova inchiesta: non si conosce la verità

Salvatore Tamburrino viene condannato all’ergastolo un anno dopo, dal giudice per le indagini preliminari Barbara Del Pizzo. Il gip dispose il massimo della pena per l’ex braccio destro di Marco Di Lauro. L’uomo nel giorno della condanna provò a giustificarsi, sostenendo di non voler veramente uccidere Norina, perché l’amava. Il gip ha inoltre disposto l’interdizione in perpetuo dai pubblici uffici e la decadenza della potestà genitoriale per l’uomo, nonché un risarcimento previsto per i genitori della donna. Il 31 marzo scorso, la Prima Sezione della Corte d’Assise d’Appello ha respinto la richiesta del condannato di una condanna di trent’anni, rifiutando uno sconto di pena.