venerdì, Febbraio 3, 2023

Denise Pipitone, una collega contro Anna Corona: “Firmai per lei”

Il controverso caso della scomparsa di Denise Pipitone si infittisce con le dichiarazioni di una donna che lavorava con Anna Corona.

Denise Pipitone
Denise Pipitone Foto dal web

Una grave accusa giunge ad Anna Corona in merito al caso di Denise Pipitone. A mettere in cattiva luce la donna, che secondo la trasmissione di Rete 4 “Quarto Grado” sarebbe di nuovo indagata dopo anni per quella vicenda, è una sua collega.

Leggi anche –> Berlusconi sta male, la pm: “Il processo deve comunque continuare”

Ne ha parlato “Storie Italiane” nel corso della puntata di mercoledì 26 maggio 2021, durante una ricostruzione dei movimenti fatti dalla stessa Anna Corona quando avvenne la sparizione di Denise Pipitone.

Quel 1° settembre 2004 sarebbe avvenuto qualcosa di strano. Lo fa sapere un’altra donna, che lavorava con la Corona e che ha fatto tale confessione a “La Vita in diretta”. “Storie italiane” ha riproposto questa intervista nella quale la persona in questione ammette di avere compiuto un grave illecito.

Ricordo che quel giorno falsificai la firma, firmai a nome di Anna Corona

La donna svela cosa avveniva all’epoca. Lei ed Anna Corona lavoravano insieme in un hotel del posto. “Non ricordo se prima o dopo pranzo, ma ad un certo punto – eravamo in lavanderia – arrivarono le figlie di lei ed avevano con loro delle giacche all’interno di un sacco”.

Leggi anche –> Funivia, tre persone arrestate: “Sapevano da settimane del guasto”

Denise Pipitone, due ex pm: “Anna Corona non era al lavoro”

“Rimasero solamente per una decina di minuti. Non l’ho mai detto perché pensavo che fosse un dettaglio trascurabile”. E poi questa persona aggiunge di non avere visto uscire la Corona, per questo firmò lei al suo posto, omettendo però l’orario di via.

Me lo chiese lei, solo per quella volta. Ho detto si ad una collega, non mi ritengo complice qualora lei sia implicata

Leggi anche –> Striscia la Notizia, incidente in diretta ad una velina FOTO

Nel processo passato l’orario di fine turno è stato fatto corrispondere alle 15:30. Ma l’avvocato di Piera Maggio, Giacomo Frazzitta, sostiene che la firma sia della Corona, mentre l’orario lo avrebbe messo poi un’altra persona.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

E l’ex pm Fabio Di Pisa si dice certo che la Corona non fu presente al lavoro dalle 12:30 alle 15:30. La primissima pm che si occupò del caso di Denise Pipitone aggiunge poi carne sul fuoco e sostiene che nessuno dei colleghi di Anna ricorda di averla vista dopo l’ora di pranzo a lavoro.

Foto dal web

Può interessarti anche