Tragedia Mottarone: Eitan fuori pericolo, non è più in rianimazione

0
446

Nella tragedia della funivia del Mottarone, adesso arriva una buona notizia: il piccolo Eitan fuori pericolo, non è più in rianimazione.

Il piccolo Eitan sulle spalle del suo papà

C’è una buona notizia nella tragedia della funivia del Mottarone caduta al suolo a Stresa dopo il cedimento di un cavo. Infatti, Eitan Moshe Biran, il piccolo superstite di questo drammatico evento, non solo sarebbe fuori pericolo, ma avrebbe anche lasciato la Rianimazione. Il bambino ha perso i due giovani genitori (lui del 1991, lei del 1994) oltre al fratellino ed i bisnonni.

Leggi anche –> Mike Bongiorno, tragedia della funivia sfiorata per il figlio: “L’ha salvato lui”

Insieme a lui, c’era anche un altro bambino di pochi anni, Mattia, il quale però è morto dopo l’arrivo in ospedale. Le condizioni di Eitan preoccupavano molto: ha rimediato la frattura di entrambe le gambe ed un trauma importante sia all’addome che al cranio. In molti avevano paura che neanche lui ce la potesse fare.

Leggi anche –> Funivia, il bambino che ha perso tutta la famiglia: “Ho paura”

Il risveglio del piccolo Eitan: arriva l’annuncio che tutti aspettavano

Incidente funivia Mottarone

Già nei giorni scorsi, il bambino ha dato i primi segnali di risveglio, il che lasciava ben sperare, anche se il quadro restava complesso. Poco fa, invece, è arrivata la notizia che ci si attendeva con ansia, direttamente da fonti mediche dell’ospedale Regina Margherita di Torino. “Le condizioni sono in significativo miglioramento e la prognosi è stata sciolta” – viene spiegato – “È in costante miglioramento sia dal punto di vista del trauma toracico sia dal punto di vista del trauma addominale”.

In sostanza, oggi si può affermare che Eitan sia fuori pericolo, una notizia che è stata accolta con il massimo dell’esultanza da tutti. Intanto, anche Aya, la zia di Eitan, ha voluto pronunciarsi sui miglioramenti del nipote e sulla necessità che questi abbia un futuro: “Faremo di tutto perché i sogni di Eitan diventino realtà. Vogliamo giustizia, quello che è successo sul Mottarone si poteva evitare”, ha detto. Una speranza che è diventata quella dell’Italia intera.