Antonio Giuseppe Malafarina: lo scrittore e la sua disabilità

0
51

Cosa sapere su Antonio Giuseppe Malafarina: lo scrittore e la sua disabilità, ecco chi è e cosa gli è accaduto.

(screenshot video)

Una delle principali “firme” del blog InVisibili del Corriere della Sera, il giornalista e scrittore Antonio Giuseppe Malafarina, in un suo intervento sul quotidiano di via Solferino, nella sua versione web, si è raccontato: “Nella mia storia non c’è stato il dramma dell’impatto con la disabilità. Ne ho preso coscienza e sono andato avanti”.

Leggi anche –> Bassetti, polemica con Speranza: “Il ministro non è vaccinato”

Insomma, spiega di non essere mai cambiato, ma al limite di trovarsi ora a doversi confrontare con un’altra condizione. La sua vita ha una svolta drammatica nel 1988: il 13 settembre, ultimo giorno di vacanza in Calabria, un tuffo con gli amici gli costa davvero caro. L’uomo infatti diventa tetraplegico, ma secondo quanto si apprende non avrebbe dovuto nemmeno sopravvivere a quell’incidente.

Leggi anche –> Denise Pipitone, parla Mariana: “Quella bimba la chiamano Denisa”

La storia di Antonio Giuseppe Malafarina: dall’incidente alla rinascita

Invece, l’uomo grazie alla bravura dei medici che l’hanno avuto in cura, dopo quindici mesi di rianimazione, di cui tre in Francia, torna a casa. Nel Paese transalpino gli hanno impiantato un pacemaker diaframmatico. Attivo sul profilo Instagram, dove racconta la sua e altre esperienze di disabilità, Antonio Giuseppe Malafarina è sicuramente un esempio positivo di come da una tragedia si possa ripartire. Giornalista dal 2011, l’uomo ha iniziato a testare programmi di riconoscimento vocale per l’uso del pc a voce fin dagli anni Novanta.

Presidente onorario della fondazione Mantovani Castorina, di sé stesso ha spiegato: “Per me scrivere è confrontarsi con se stessi ad alta voce. Ogni volta che butti giù una parola e la concateni con le altre per esprimere il tuo pensiero, compi un processo che ti mette in relazione profonda con il tuo essere. In questo processo hai l’opportunità di mettere a confronto i tuoi pensieri”.