Pensioni in anticipo a luglio e con la sorpresa: il calendario

0
516

Pagamento anticipato pensioni luglio 2021 di Poste italiane: ecco il calendario delle date a partire dal 25 giugno

Pensioni le proposte dei sindacati
Pensioni le proposte dei sindacati Foto dal web

In arrivo come ogni mese da quando c’è la pandemia la possibilità per i pensionati che hanno l’accredito delle pensioni su Poste Italiane, di ricevere in anticipo secondo un calendario prefissato mensilmente che evita gli assembramenti, o quantomeno li attenua. Per quanto riguarda il mese di luglio, Poste Italiane “comunica che le pensioni del mese di luglio verranno accreditate a partire da venerdì 25 giugno per i titolari di un Libretto di Risparmio, di un Conto BancoPosta o di una Postepay Evolution. I titolari di carta Postamat, Carta Libretto o di Postepay Evolution potranno prelevare i contanti da oltre 7.000 ATM Postamat, senza bisogno di recarsi allo sportello”.

Ecco il calendario e la suddivisione per l’iniziale del cognome del pensionato o della pensionata:

* dalla A alla B venerdì 25 giugno
* dalla C alla D sabato mattina 26 giugno
* dalla E alla K lunedì 28 giugno
* dalla L alla O martedì 29 giugno
* dalla P alla R mercoledì 30 giugno
* dalla S alla Z giovedì 1 luglio

Leggi anche > Pensioni anticipate, la beffa

Inoltre, Poste Italiane ricorda inoltre che i cittadini di età pari o superiore a 75 anni che percepiscono prestazioni previdenziali presso gli Uffici Postali, che riscuotono normalmente la pensione in contanti e che non hanno già delegato altri soggetti al ritiro della pensione, possono chiedere di ricevere gratuitamente le somme in denaro presso il loro domicilio, delegando al ritiro i Carabinieri.

Leggi anche > La Terra sta perdendo peso: cosa accade

La rata della pensione di luglio è comprensiva anche della quattordicesima per coloro che sono i beneficiari.

La quattordicesima 2021 spetta ai pensionati che rispettano i seguenti requisiti:

  • almeno 64 anni di età;
  • reddito complessivo individuale tra 1,5 e 2 volte il trattamento minimo annuo del Fondo pensioni lavoratori dipendenti, ovvero fino a 13.405,08 euro nel 2021.