Ambra Angiolini, l’incubo della bulimia: il drammatico racconto

0
226

Ambra Angiolini ed un incubo chiamato bulimia. La maternità è stata la sua ancora di salvezza, la sua pancia si è riempita d’amore

Il cibo non soltanto piacere. Il cibo può diventare una valvola di sfogo per tentare di soffocare problemi che non si riescono a risolvere in altro modo. Il cibo che diventa l’ultima, disperata richiesta di aiuto verso un mondo che non può o non vuole esserti d’aiuto. Anche il cibo, quando si trasforma in una malattia, non remore di alcun tipo. Attacca tutti, donne e uomini, poveri e ricchi, bianchi e neri, vip e nip.

Ti potrebbe interessare>>> Ambra Angiolini e Allegri, la passione in vacanza: che coppia FOTO

Allora si inizia a parlare di bulimia, ma cos’è esattamente la bulimia? La bulimia è uno dei dell’alimentazione. Sua caratteristica peculiare è l’eccessiva assunzione di cibo, le cosiddette abbuffate, seguite da episodi che tendono a liberarsi dell’eccessiva quantità di cibo ingerita, con metodi quali il vomito autoindotto o l’uso di lassativi. Questa patologia è anche difficile da riconoscere poiché spesso le persone che ne soffrono presentano un peso corporeo assoklutamente nella norma.

La storia di Ambra Angiolini

Ambra Angiolini GettyImages (1)
Ambra Angiolini GettyImages

Se poi a parlare di bulimia o comunque di gravi problemi legati all’alimentazione, è una persona nota al grande pubblico, ci si accorge che tutti possiamo essere soggetti a rischio. Ambra Angiolini recentemente ha parlato della sua esperienza. Drammatica, difficile anche da raccontare, ma dalla quale è uscita. Perché dai disturbi alimentari, anche quelli gravi, se ne può uscire. L’unica rimedio è avere la forza ed il coraggio di chiedere aiuto.

Ambra Angiolini racconta come sia stata proprio la sua incapacità di chiedere aiuto la causa che l’ha trascinata verso un periodo drammaticamente complesso. “Mangiare era il modo di sfogare la mia incapacità di chiedere aiuto. Ho sempre cercato di fare male a me stessa e mai agli altri”. Ed in quei momenti, in quelle condizioni fisiche e psicologiche si perde completamente il contatto con gli altri e con la realtà circostante.

Ma poi accade un evento, una situazione nella vita che cambia tutto. Dove vi era soltanto il buio arriva una luce accecante che illumina nuovamente un’intera esistenza. La maternità per Ambra Angiolini è stata la sua ancora di salvezza. “Lei ha fatto in modo che la mia pancia diventasse il posto più accogliente e pieno della terra”. La pancia conteneva qualcosa di meraviglioso di nome Jolanda, nata nel 2004, che ha scalciato via il male di vivere, con le sembianze del cibo, dalla sua mamma.

Ti potrebbe interessare>>> Ambra Angiolini, il bacio appassionato con Victoria: cosa accadde

Nel suo libro “InFame” c’è questo e molto altro. C’è soprattutto la volontà di far comprendere quanto le persone che amiamo possano diventare determinanti per raggiungere il risultato finale. Da soli non ce la si fa, come dimostrano i casi di chi, purtroppo, non ne è più uscito.