Germania, vaccini: oltre 700mila dosi in un giorno, ma l’Italia fa meglio

0
116

Campagna vaccinazioni in Germania, vaccini da record: oltre 700mila dosi in un giorno, ma l’Italia ha fatto meglio.

(Joe Raedle/Getty Images)

Mentre in Italia ancora ci sono diverse incertezze su riaperture e campagna vaccinale, altrove sembra che le cose vadano in maniera molto più spedita. Ma si tratta di dati parziali, invece sul lungo periodo il nostro Paese ha fatto certamente meglio. Andiamo nel dettaglio dei dati. Ieri 14 aprile 2021, infatti, la Germania ha somministrato 738.501 dosi vaccinali.

Leggi anche –> Vaccini Covid, appello dei farmacisti: “Non ci tiriamo indietro”

Questo numero di vaccinazioni in un solo giorno è superiore al record di vaccinazioni in un giorno del Regno Unito. Infatti, in Gran Bretagna, la stima era di circa 600mila dosi giornaliere. Ma attenzione a non farsi ingannare: in Germania hanno ricevuto la seconda dose 5.276.028 persone. Per chiarire un po’ di dati, il 6,3% della popolazione totale è completamente vaccinata.

Leggi anche –> Coronavirus 15 aprile: calo record dei ricoverati e 300mila vaccini

Italia e Germania, vaccini somministrati: le differenze tra i due Paesi

Ed ecco quindi il primo confronto con l’Italia. Nel nostro Paese, hanno ricevuto la seconda dose 4,1 milioni di abitanti, ovvero il 6,8% della popolazione complessiva. In termini assoluti, insomma, le seconde dosi vaccinali distribuite in Germania sono oltre un milione in più, ma l’Italia ha coperto lo 0,5% in più della popolazione. Un dato questo che si riscontra anche se si parla di numero di abitanti che hanno finora ricevuto almeno una dose del vaccino.

In totale, in Germania, 14,7 milioni di abitanti hanno ricevuto almeno una dose di vaccinazione. Nel nostro Paese sono 13,9 milioni le persone che hanno ricevuto almeno una dose, ovvero il 23% della popolazione complessivamente residente, che supera di poco i 60 milioni di abitanti. Se consideriamo che la Germania ha 83 milioni di abitanti, è chiaro che il rapporto è nettamente inferiore a quello italiano: sono nemmeno il 18% gli abitanti che hanno ricevuto almeno una dose.

Intanto l’amministratore delegato di Pfizer, Albert Bourla, oggi ha annunciato una svolta decisa per le prossime settimane: “Aumenteremo drasticamente le nostre forniture di vaccini ai Paesi Ue”, ha chiarito. Si tratta di un ulteriore passo in avanti nella lotta al Coronavirus. La strada è lunga, ma gli esperti sono convinti che presto si vedranno i frutti di questa campagna vaccinale.