Donna malata da anni: la soluzione arriva dai social media

0
24

Donna malata da anni. I dolori sembravano non passare mai finché non è arrivata una svolta nella diagnosi grazie ai social media.

 

La vicenda ha inizio nel 2019. La sfortunata protagonista si chiama Sarah Rose McCann e per anni ha sofferto di forti dolori al basso ventre.

Fitte, gonfiore e dolore a urinare. Questi sono solo alcuni dei sintomi che ha dovuto sopportare per anni. Stanca di dover sopportare tutto ciò, la McCann ha deciso di aprire un profilo Instagram per parlare della sua condizione di salute.

Donna malata da anni: eccome come è riuscita a trovare una soluzione

I dolori sono iniziati quando la donna aveva solo otto anni, ma il medico aveva subito pensato a una cistite. La sensazione di dover andare in bagno era costante, ma al momento di urinare la McCann avvertiva dei dolori fortissimi. Il tutto era così terribile da causare un senso di ansia e angoscia ogni qual volta che doveva andare in bagno.

Leggi anche -> Che fine ha fatto l’ex velina Giulia Olivetti? Ecco com’è e cosa fa oggi

Negli anni gli errori medici si sono susseguiti senza sosta. Nonostante le analisi non avessero mostrato un’infezione delle vie urinarie, i medici non hanno cercato di scavare più a fondo. La non curanza sanitaria ha causato alla sfortunata donna altri problemi come l’ansia e l’anoressia.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il disturbo alimentare era per lei una via di fuga dal dolore che provava nel dover andare in bagno. Era un modo per tenere impegnata la mente per non interessarsi a ciò che di altro accadeva al suo corpo.

Leggi anche -> Vaccini Covid, appello dei farmacisti: “Non ci tiriamo indietro”

Urologi, ginecologi e gastroenterologi non hanno trovato risposte alla sua patologia. Cistoscopie, colonscopie e ultrasuoni non sono serviti a nulla e la paziente veniva dimessa ogni volta. Il dolore continuo è poi sfociato anche in dolore intestinale, ma i medici continuavano a descrivere la malattia come una condizione con la quale avrebbe dovuto vivere.

La diagnosi definitiva è arrivata solo nel 2019. Proprio quell’anno la McCann aveva deciso di condividere la sua esperienza sul web. Dopo aver pubblicato qualche post, alcune persone le hanno suggerito che avrebbe potuto trattarsi di endometriosi. Il suggerimento degli utenti si è rivelato corretto e la donna ha  potuto migliorare le sue condizioni di salute.