Raoul Bova, la famiglia si allarga: ecco l’ultima novità

0
601

Il celebre attore Raoul Bova ha vissuto un’esperienza davvero unica sul set: all’improvviso è come se la sua prole si fosse moltiplicata. 

Alla soglia dei 50 anni Raoul Bova, eterno sex symbol del cinema nostrano, vive finalmente una fase serena e appagante della sua vita, dopo trascorsi piuttosto burrascosi e dolorosi. Il lavoro continua a dargli belle soddisfazioni e il rapporto con la splendida fidanzata Rocio Munoz Morales, con la quale in qualche occasione ha anche condiviso il set, procede a gonfie vele. Di recente, però, gli è successo qualcosa di assai singolare che lo ha fatto riflettere sul suo ruolo di padre.

Tutti i figli di Raoul Bova

La nuova relazione sentimentale di Raoul Bova dura ormai da 10 anni ed è stata coronata dall’arrivo di due bambine, Luna e Alma. L’attore romano ha spiegato che per le nozze non c’è fretta, mentre Rocio qualche tempo fa ha rivelato che le nozze arriveranno a sorpresa, quando nessuno se le aspetta. Forse, chissà, alla fine dei questa terribile pandemia.

Leggi anche –> AMICI, ANTICIPAZIONI PUNTATA DEL 17 APRILE: OSPITI E SFIDE

In attesa di novità al riguardo, Raoul Bova si prepara a debuttare sul piccolo schermo con la fiction “Buongiorno Mamma!”. La prima puntata andrà in onda su Canale 5 il prossimo 21 aprile: la serie racconta le vicissitudini della famiglia Borghi, formata da Guido, Anna e i quattro figli. Proprio parlando delle riprese l’attore ha scherzato sul ruolo di padre recitato nell’ultima fiction, rivelando che in quel periodo sia è sentito padre di ben 8 figli!

Leggi anche –> ELEONORA DANIELE, LA MORTE IMPROVVISA DEL FRATELLO: UN DOLORE ENORME

“Il mio personaggio è un preside e ha lo stesso numero di figlio che ho nella vita, due maschi e due femmine – ha detto Raoul Bova in un’intervista concessa al settimanale Nuovo -. E’ un po’ come se durante le riprese io avessi avuto…otto figli”. Per il resto, il Nostro ha spiegato di essere un padre comprensivo nella vita come sul set: “L’educazione che cerco di dare è la stessa che ho ricevuto. Non credo nella punizione ma nell’autocorrezione. I genitori ci sono, ma se i figli sbagliano devono correggersi da soli”.