Vite al limite, l’incredibile storia di Joyce: quanto pesava e com’è diventata

0
208

Quella di Joyce Vescovo è una delle vicende umane più tristi raccontate da Vite al limite. Ecco tutto ciò che sappiamo su di lei.  

Il caso di Joyce Del Vescovo è probabilmente il più “estremo” mai trattato da Vite al limite e della clinica texana del Dottor Nowsaradan. Purtroppo la protagonista, dopo un iniziale tentativo di dare una svolta alla sua vita, ha deciso di abbandonare il programma in corso d’opera e non seguire più le regole alimentari consigliate dal medico. Vediamo più da vicino com’è andata.

La scelta di Joyce Del Viscovo a Vite al limite 

Joyce De Viscovo ha 44 anni quando si rivolge al Dottor Nowsaradan perché non riesce più a uscire di casa e ha bisogno di assistenza 24 ore su 24 e 7 giorni su 7. Come spesso in questi casi, ha una storia molto particolare alle spalle: un rapporto malsano con la madre che, fin dall’infanzia, la costringeva a seguire diete ferree. Il tutto reso ancor più complicato dalla burrascosa separazione dei genitori, che l’ha indotta a rifugiarsi nel cibo e a usare quest’ultimo come valvola di sfogo del suo dolore e delle sue frustrazioni.

Leggi anche –> VITE AL LIMITE, LA METAMORFOSI DI SAMANTHA: QUANTO PESAVA E COM’È OGGI

Dopo essersi trasferita dalla nonna, Joyce si era convinta che i dolci potessero colmare la sua tristezza, mentre la madre le imponeva sempre diete rigide e molto drastiche. La sua vita è stata dunque segnata da continui scontri con la figura materna e dalla convinzione che il cibo potesse consolarla. La donna è arrivata nella clinica di Vite al Limite con l’intenzione di dimagrire senza però accettare i consigli degli esperti, e proprio per questo ha ben presto deciso di abbandonare il progetto.

Leggi anche –> VITE AL LIMITE, L’INCREDIBILE TRASFORMAZIONE DI MELISSA MORRIS

Al momento si sa ben poco della “nuova” vita di Joyce Del Vescovo, la sua è stata una delle storie più triste e drammatiche del programma. Qualcuno ha ipotizzato che possa essere addirittura morta. In effetti, la sua grave obesità comportava rischi molto seri per la sua salute. Lei però ha accusato la produzione del programma di Vite al Limite di non essere adeguata e se n’è andata per la sua strada.