Beppe Grillo, chi è la moglie Parvin Tadjik: età, foto, vita privata, lavoro

0
383

Parvin Tadjik è la moglie di Beppe Grillo e si è espressa anche sulle accuse di stupro contro suo figlio Ciro. Ma chi è la 63enne?

Il nome di Beppe Grillo è sulla bocca di tutti in questi ultimi giorni e non certo per le sue doti da leader di un movimento politico o da comico, piuttosto per il fatto che suo figlio Ciro Grillo è accusato di stupro di gruppo, assieme ad altri suoi amici , ai danni di una ragazza italo-svedese. Ma del comico genovese si sa anche qualcosa riguardo la vita privata e riguardo la donna che ha sposato: Parvin Tadjik. Ecco cosa sappiamo su di lei.

Pavin Tadjik, chi è la moglie di Beppe Grillo

Pavin ha origini iraniane e ha conosciuto Beppe Grillo nei lontani anni ’90, decennio in cui la coppia ha anche convolato a nozze, nel 1996, nella Chiesa di Sant’Ilario a Genova e tra i numerosi invitati anche VIP come Dori GhezziAntonio Ricci) figurava anche Fabrizio De Andrè come testimone di nozze. I due hanno poi avuto due figli Rocco e Ciro, oggi accusato di stupro di gruppo.

Leggi anche–>Alessandro Siani, qual è il suo vero nome e perché ha scelto di cambiarlo

Anche quando il marito ha deciso di intraprendere la carriera politica, Pavin ha scelto sempre di rimanere dietro le quinte e non esprimersi mai in questioni relative al lavoro di Grillo. Tuttavia oggi è tirata in causa nella vicenda del figlio Ciro e della povera ragazza che ha raccontato di essere stata violentata dal branco: lo stupro si sarebbe consumato nella casa a fianco a quella in cui dormiva la stessa Pavin, che ha preso le difese del figlio sostenendo dell’esistenza di un video che proverebbe il consenso della giovane.

Leggi anche–> Cristina Parodi, chi è: età, carriera, vita privata, curiosità sulla giornalista

Come non ricordare, infine, le parole di Grillo riguardo l’Iran, il paese d’origine di Pavia, che avevano tirato su un polverone di polemiche non da poco: “L’Iran di Ahmadinejad? Un giorno ho visto impiccare una persona, su una piazza di Isfahan. Ero lì. Mi son chiesto: cos’è questa barbarie? Ma poi ho pensato agli Usa. Anche loro hanno la pena di morte: hanno messo uno a dieta, prima d’ucciderlo, perché la testa non si staccasse. E allora: che cos’è più barbaro?.