Poletti durissimo in diretta contro il cantante: “Cervello bruciato, la droga fa male”

0
253

Roberto Poletti è stato molto duro nei confronti di un cantante, dicendo la sua mentre era ospite a La Vita in Diretta.

Nella puntata andata in onda oggi de “La Vita in diretta“, Roberto Poletti è stato nuovamente ospite di Alberto Matano durante il segmento “pop” della trasmissione e si è espresso duramente nei confronti di un cantante.

Da giorni si parla delle posizioni negazioniste assunte dal cantante Miguel Bosé rispetto al tema del Covid-19. Nonostante la madre dell’artista sia venuta a mancare proprio a causa del virus, Bosé grida al complotto su scala mondiale. Roberto Poletti, senza peli sulla lingua, ha detto la sua in merito al cantante internazionale: “Penso abbia il cervello bruciato, la droga fa male ma non arriva a questo punto, almeno per come l’ha assunta lui“.

LEGGI ANCHE -> Marta Zoboli, chi è l’attrice comica: età, carriera, vita privata

Roberto Poletti accusa Miguel Bosé: “E’ una vergogna”

Le parole di Roberto Poletti nei confronti di Miguel Bosé sono state dure, ma anche le affermazioni del cantante lasciano a desiderare. Da personaggio pubblico, la sua opinione è ascoltata da molte persone e le sue convinzioni riguardo il fenomeno pandemico sono in grado di manipolare l’idea che si ha della situazione. Secondo i suoi colleghi, il cantante sta semplicemente attraversando un periodo negativo, ma non è della stessa opinione Poletti.

LEGGI ANCHE -> Alberto Matano, il “vuoto” interiore: perché non è diventato padre

Temo che cerchi pubblicità, una brutta pubblicità, perché adesso è capo di una mandria di buzzurri che vediamo anche nelle nostre piazze“, questa è l’ipotesi che ha portato avanti Roberto Poletti a “La Vita in Diretta“. Nonostante è impossibile quantificare come sia influente la parola del cantante, è importante prendere le distanze da tali dichiarazioni pericolose.  Poletti si era già recentemente espresso su Miguel Bosé, ma nella puntata di oggi ha rincarato la dose: “Queste persone sono una vera e propria vergogna“.