Carlo Conti, lo shock dopo la morte del padre per il gesto della madre

0
1856

Carlo Conti ha raccontato un episodio verificatosi dopo la scomparsa del padre che lo ha scioccato e convinto a prendere una decisione.

Come per ogni protagonista della televisione, anche nel caso di Carlo Conti la privacy è un concetto differente da quello di chi non fa parte del mondo dello spettacolo. Il conduttore Rai è un uomo molto riservato ed evita, per quanto possibile, di condividere con la stampa o il pubblico dettagli privati. Tuttavia la sua notorietà è tale che gran parte degli eventi segnanti della sua vita sono noti. Sappiamo ad esempio che è stato a lungo in relazione con Roberta Morise e che è sposato con Francesca Vaccaro dal 2012.  La coppia ha accolto qualche tempo dopo il piccolo Matteo e la loro relazione è solida.

Sappiamo anche dettagli sul passato di Carlo. Prima del grande lutto vissuto qualche anno fa quando è scomparso il suo amico fraterno Fabrizio Frizzi, il conduttore Rai aveva subito un altro grandissimo lutto: la scomparsa del padre. Conti non ne parla spesso, ma l’essere cresciuto senza padre è stato per lui molto difficile. L’uomo è morto prima che Carlo potesse avere delle esperienze padre-figlio di cui potesse fare tesoro, visto che quando si è verificato il dramma aveva appena 18 mesi.

Leggi anche ->Brumotti aggredito: stava girando un servizio sullo spaccio a Roma

Carlo Conti, il gesto inaspettato della madre dopo la scomparsa del padre

Alla scomparsa del padre è legato un altro ricordo che ha colpito particolarmente il conduttore. Il ricordo in questione è stato svelato qualche tempo fa dallo stesso Carlo Conti in un’intervista. Era il periodo dell’adolescenza, quello in cui ogni ragazzo è spinto a sperimentare, fare esperienze e commettere degli errori. La madre –Lolette– era consapevole di questo così come era consapevole che alcuni di questi errori possono condizionare il resto della vita.

Leggi anche ->Tommaso Zorzi fa impazzire i social, la foto con la fan speciale scalda i cuori

Uno di questi è quello di provare le sigarette in gruppo. Un azione che si fa per spirito di emulazione e che poi porta ad una dipendenza difficile da sconfiggere e soprattutto potenzialmente letale. Così un giorno la donna ha deciso di affrontare l’argomento con il figlio: “Mi fece provare una sigaretta lei, e disse: ‘Sappi però che tuo padre è morto per questo'”. Lo shock provato in quel momento è stato tale da convincere Carlo a non avvicinarsi più al tabacco: “Da lì non ho più fumato una sigaretta”.