Striscia la notizia, truffa del codice Pin della banca: come funziona VIDEO

0
861

Ieri sera Striscia la Notizia ha mandato in onda un servizio su come smascherare la truffa di chi si finge un operatore di banca 

striscia la notizia

Ieri sera Striscia la notizia, programma di Canale 5 condotto da Gerry Scotti e Michelle Hunziker, ha mandato in onda un servizio sulle truffe bancarie. Diverse persone che hanno il conto presso la Banca Banca Intesa-Sanpaolo sono state derubate. Le segnalazioni arrivate al programma di Antonio Ricci sono state molteplici e Max Laudadio è stato inviato per capire cosa è successo e come evitarlo.

Potrebbe interessarti leggere anche –> Natale di Roma, che cos’è e perché si festeggia oggi

Ecco come funziona la truffa del codice pin e come riconoscerla

Le testimonianze riportare descrivono un modus operandi molto simile in tutti i casi e che è davvero molto complesso. Le vittime, infatti, venivano contattate sui loro numeri personali direttamente dal call center di Intesa-San Paolo. Il sedicente operatore con cui parlavano diceva di dover controllare operazioni, prelievi, bonifici, di dover dare pin. Le scuse usate sono state svariate e le vittime, convinte di star parlando con un operatore reale, si sono fidate.

Potrebbe interessarti leggere anche –> Massimo Galli: “Governo imprudente, riaprire tutto è pericoloso”

Nel servizio è stato intervistato anche il perito informatico forense Paolo del Checco, il quale ha affermato che la banca “Dovrebbe verificare da dove arriva la richiesta di bonifico, e anche da chi. Dal punto di vista comportamentale, se un pensionato o una casalinga fanno di colpo un bonifico di 40mila euro verso l’estero, è chiaramente un comportamento anomalo”. Banca Intesa-San Paolo sulla questione ha detto che i suoi clienti hanno subito frodi informatiche, ma che l’Istituto Bancario non ha alcuna responsabilità perché i truffatori non hanno violato i sistemi di sicurezza della banca. La dichiarazione continua dicendo: “In particolare i cybercriminali utilizzano soluzioni disponibili sul web in grado di manipolare l’identità dei mittenti dei messaggi e delle telefonate, per indurre i destinatari a cedere informazioni riservate“.

striscia la notizia