ATP Belgrado: Berrettini batte Krajinovic, domani semifinale

0
41

Si è concluso il match di tennis che vedeva di fronte l’azzurro Matteo Berrettini opposto a Filip Krajinovic: domani semifinale.

(Daniel Pockett/Getty Images)

Nel giro di pochi minuti, ci ritroviamo con due azzurri del tennis in semifinale in due prestigiosi tornei ATP: ha aperto le danze il giovanissimo Jannik Sinner, che oggi era impegnato contro il russo Andrej Rublev, il numero sette al mondo, sulla terra battuta catalana di Barcellona.

Leggi anche —> ATP Barcellona: Sinner batte Rublev, ora la semifinale storica

L’altoatesino oggi ha messo in cantiere un’altra ottima vittoria dunque, contro un avversario davvero temibile e sicuramente più esperto di lui. La vittoria è arrivata in due set, il primo senza storia, terminato col punteggio di sei a due, il secondo molto più tirato, terminato al tie-break vinto da Sinner per 8-6.

Leggi anche —> Jannik Sinner, chi è il tennista italiano: età, carriera, foto

Berrettini batte Krajinovic all’ATP di Belgrado: chi è il prossimo avversario

(Alexander Hassenstein/Getty Images)

Pochi minuti dopo, è arrivata la seconda vittoria, quella di Belgrado del numero 10 al mondo Matteo Berrettini. Per lui, la prova era ostica: affrontava ai quarti il vincitore del derby serbo tra Filip Krajinovic, numero 33 al mondo, e il più modesto Nikola Milojevic, che occupa la posizione numero 134 del ranking mondiale. 48 ore prima, si era imposto Krajinovic, sicuramente l’avversario più temuto. Matteo Berrettini è apparso comunque in grande spolvero.

La testa di serie numero 2 di questo prestigioso torneo ATP, infatti, ha regolato in due set il suo avversario molto quotato: un break per ciascun set per lui in circa un’ora e mezza di gioco sono dunque bastati. I due parziali non ammettono grandi repliche: sei a quattro in entrambi i set e staccato il pass per la semifinale di domani. Di fronte, Berrettini si troverà il vincitore della sfida di oggi tra l’argentino Federico Delbonis, numero 84 al mondo, e il sorprendente giapponese Taro Daniel, numero 126 al mondo e ripescato dalle qualificazioni.