Selvaggia Lucarelli, attacco contro gli assembramenti a Milano – VIDEO

0
1271

Selvaggia Lucarelli torna a lamentarsi su Instagram degli assembramenti a Milano pubblicando un video sul suo profilo.

A pochi giorni dal 26 aprile, giornata che segnerà per molte regioni il passaggio da zona gialla a zona arancione, sembra che alcuni non abbiano ancora ben compreso la serietà della situazione in cui si trova l’Italia. Nonostante le regole siano rispettate da molti, una certa fetta della popolazione trova ancora difficile mantenere il distanziamento sociale (o tenere la mascherina sopra il naso).

Il post su Instagram

“Finalmente entriamo in zona gialla che qui a Milano non se ne può più di ‘sto deserto” ha scritto Selvaggia Lucarelli su Instagram, pubblicando un video del parco davanti al Politecnico di Milano. Il prato è pieno di ragazzi assembrati, alcuni anche senza mascherina. La giornalista poi aggiunge: “notare il tizio che fa la pipì nel cespuglio”, sottolineando l’eleganze azione di uno dei protagonisti del video.

Leggi anche -> De Luca annuncia novità sulla tessera vaccinale e attacca: “Il governo dorme in piedi”

Sotto il video della Lucarelli c’è chi le da ragione e chi invece pensa che comportamenti simili siano da giustificare. “Come al solito, se non fai della demagogia a buon mercato, non sei contenta. Ma la gente esaurita e depressa a furia di limitazioni e privazioni di libertà?” scrive un utente. “Sono giovani” scrive una ragazza, “io ho 20 anni e nessuno dei miei amici è stato male”. In tutto questo, ovunque gli assembramenti continuano ad aumentare.

Leggi anche -> Brutte notizie dagli Usa: contagi in aumento nonostante i vaccini

Non è la prima volta che Selvaggia Lucarelli denuncia situazioni simili sul suo profilo Instagram. In 27 febbraio si era lamentata così: “esattamente un anno fa, partiva la campagna Milano non si ferma. Dopo un anno e 100 000 morti in Italia di cui 30 000 in Lombardia, con una terza ondata ormai alle porte, Milano continua a non fermarsi. Stasera discoteca all’aperto sulla darsena e tutti senza mascherine. Avanti così”.