Laura Boldrini, raro tumore al femore: scoperto per caso grazie all’amica

0
2591

Laura Boldrini è stata operata con successo dopo aver scoperto di avere un raro sarcoma al femore: come sta adesso.

L’ex presidente della Camera Laura Boldrini si è sottoposta nei giorni scorsi ad una difficile operazione di rimozione di un tumore. La politica del PD ha scoperto casualmente di essere affetta dalla malattia quando un’amica ha spinto affinché si sottoponesse a delle visite di controllo. Intervistata dal Corriere, la Boldrini ha spiegato di aver scoperto il tumore a metà marzo e di essersi operata il 10 aprile perché non c’era tempo da perdere.

Un’operazione complicata e molto delicata, come spiega lei stessa: “Mi hanno tagliato 25 centimetri di femore e al suo posto hanno messo una protesi in titanio, con una calza. L’osso ricrescerà, ma non sarà una passeggiata. La cosa positiva è che non hanno trovato infiltrazioni”. L’aver scoperto la malattia ed essere intervenuti tempestivamente è stato possibile solo grazie all’insistenza della sua amica: “Non voglio pensare a cosa sarebbe stato se la mia amica non avesse insistito”.

Leggi anche ->Pippo Baudo, tre operazioni chirurgiche in poco tempo: cosa è successo

Laura Boldrini: “Mi sono riscoperta fragile”

Convinta che si trattasse della sciatica che le dava noia, Laura Boldrini avrebbe evitato il controllo, ma la sua amica l’ha convinta a sottoporsi ad una risonanza magnetica dalla quale è emersa la presenza di un sarcoma al femore. Un tumore di tipo raro per il quale era necessario un intervento d’urgenza. L’operazione è andata bene e l’assenza di infiltrazioni fa ben sperare per la ripresa e per la possibilità che tutto possa risolversi per il meglio.

Leggi anche ->Laura Boldrini dimessa dall’ospedale dopo la delicata operazione

Tuttavia dopo tutta questa esperienza qualcosa nella senatrice del PD è cambiato. Lo ha scritto sui social ed al Corriere ha spiegato in cosa la malattia l’ha fatta cambiare: “Ho scoperto di essere vulnerabile e fragile, non avevo mai avuto a che fare con la malattia e sono sempre stata abituata ad avere un modo di vita dinamico e veloce. Ora sto scoprendo un’altra dimensione”.