Catherine Spaak, il dramma dell’emorragia cerebrale: come sta ora

0
1436

Ospite di Storie Italiane, Catherine Spaak ha parlato qualche tempo fa del dramma vissuto dopo aver accusato un’emorragia cerebrale.

Non molti sono a conoscenza del fatto che Catherine Spaak ha dovuto affrontare una dura e lunga riabilitazione a causa di un problema di salute che le avrebbe potuto causare danni permanenti al cervello. Quasi un anno fa, infatti, ha accusato un’emorragia cerebrale ed è stata costretta al ricovero in ospedale. Lo ha raccontato lei stessa a Storie Italiane lo scorso settembre, diversi mesi dopo l’accaduto: “Sei mesi fa ho avuto un’emorragia celebrale, non camminavo e non vedevo”.

Il contraccolpo per lei è stato durissimo, temeva che i danni potessero rimanere permanenti, ma grazie all’aiuto dei medici e alla sua forza di volontà il peggio è passato. Grazie alla riabilitazione, infatti, Catherine ha ripreso a camminare e a fare tutto ciò che faceva prima dell’incidente. Certo, non tutti i problemi sono stati superati: ad inizio settembre Catherine ha avuto una crisi epilettica collegata alla problematica di sei mesi prima.

Leggi anche ->Lorella Boccia, chi è il volto tv ex di Amici: carriera, marito, figli

Catherine Spaak: “Sono venuta a testimoniare che ce la si può fare”

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Storie Italiane (@storieitalianerai)

Leggi anche ->Antonella Clerici, il messaggio per il compagno Vittorio lascia senza parole

Prima di continuare la propria testimonianza, Catherine ci tiene a precisare: “Non sono venuta qui a piangere ma a testimoniare che ce la si può fare”. Quindi ha ammesso di essere stata fortunata rispetto ad altre persone: “Ci sono quelle che hanno avuto i miei stessi problemi, anche se superati, lo fanno con più fatica di quella che ho fatto io. Io ho trovato improvvisamente una capacità di vedere le cose, di sentirle… Perché l’unico organo che è stato colpito è la vista che mi è rimasta un po’ più debole. Ho una capacità emotiva, sentimentale molto più profonda”.