Morta Rachele Viggiano: chi era l’attrice scomparsa, la sua malattia

0
2402

Lutto nel mondo del teatro e della fiction, morta Rachele Viggiano: chi era l’attrice scomparsa a Bari, la sua malattia.

(screenshot video)

Aveva 53 anni e da tempo lottava contro il cancro l’attrice Rachele Viggiano, morta nelle scorse ore a Bari: un grande vuoto quello che ha lasciato la donna, attiva sui palcoscenici teatrali pugliesi. Faceva parte di quella generazione di attori che comprende anche ad esempio Gianni Colajemma, scomparso appena una decina di giorni fa.

Leggi anche –> Peter Neumair, ripescato cadavere dall’Adige: è il papà di Benno

Parte integrante della compagnia Tiberio Fiorilli, aveva avuto l’opportunità di recitare in decine di spettacoli, affiancando alcuni bravi attori pugliesi e non solo. Tra questi il regista e sceneggiatore Carlo Croccolo. Aveva anche recitato fianco a fianco con Antonio Salines e Maria Rosaria Omaggio. Tra i nomi locali, Dante Marmone e Pinuccio Sinisi.

Leggi anche –> Marco Eletti, da ‘L’Eredità’ al carcere: per gli inquirenti ha ucciso suo padre

Lutto e cordoglio per la morte dell’attrice Rachele Viggiano

Rachele Viggiano aveva anche preso parte ad alcune fiction televisive di un certo successo, come ad esempio Squadra di Polizia e Turbo. Tanti gli omaggi che le vengono resi in queste ore dal mondo dello spettacolo, dal musicista Giuseppe De Trizio all’attrice Tiziana Schiavarelli, che scrive: “Ma che succede? Oggi perdiamo un’altra amica, un’attrice bravissima. Sono ammutolita…”.

La compagnia della quale faceva parte su Facebook ne ha annunciato il decesso con queste parole: “Con immenso dolore comunichiamo la prematura ed improvvisa perdita della nostra amata Rachele. Che le preghiere di ognuno di noi possano accompagnarla nella pace eterna”. Anche il teatro Abeliano ricorda la “collega di grande professionalità e amica generosa di sorrisi” scomparsa nelle scorse ore. Rachele Viggiano lascia il marito Dino Signorile, con il quale condivideva una grande passione per il teatro, e molti parenti e amici. Il vuoto per la sua morte, ricordano tutti oggi, è davvero incolmabile.