Peter Neumair, ripescato cadavere dall’Adige: è il papà di Benno?

0
1174

Ci sono forti sospetti sull’identità del corpo affiorato dal fiume Adige. Gli inquirenti pensano che si tratti dei resti di Peter Neumair.

Peter Neumair con la moglie Laura Perselli e la figlia Madè
Peter Neumair con la moglie Laura Perselli e la figlia Madè Foto dal web

Peter Neumair, potrebbe essere suo il cadavere ripescato dalle acque del fiume Adige. Nel corso delle scorse ore i sommozzatori delle forze dell’ordine hanno individuato un cadavere. Il sospetto è che possa trattarsi del padre di Benno Neumair, in carcere con l’accusa di duplice omicidio aggravato dalla premeditazione e dal vincolo di parentela.

Leggi anche –> Marco Eletti, da ‘L’Eredità’ al carcere: per gli inquirenti ha ucciso suo padre

Il corpo di Laura Perselli, moglie di Peter Neumair e madre di Benno, venne ritrovato il 6 febbraio, a poco più di un mese dall’avvenuto delitto, datato 4 gennaio 2021.

Per quanto riguarda i resti che si presume possano essere dell’uomo, si apprende che gli stessi sono riaffiorati presso la pista ciclabile che costeggia il corso d’acqua, nelle vicinanze del museo di scienze Muse.

La scoperta l’ha compiuta un giovane che si trovava a spasso con il proprio cane. Subito sono intervenuti gli agenti della Squadra Mobile di Bolzano ed una squadra di vigili del fuoco.

Leggi anche –> Marco ha ucciso il padre a martellate: è stato concorrente dell’Eredità

Peter Neumair, presto le analisi per stabilire l’identità di quel cadavere

Proprio i pompieri hanno provveduto a recuperare il corpo, visibilmente decomposto. Ora si attende il risultato delle analisi di rito per avere una risposta certa. Tra pochi giorni potremo sapere se quella salma rovinata sia o meno di Peter Neumair.

Leggi anche –>Marco Eletti, chi è lo scrittore che ha ucciso il padre a martellate

Per quanto riguarda Benno Neumair, visto con sospetto sin dal primo istante anche da sua sorella Madè, attualmente si trova in carcere a Bolzano. Fino alla prima settimana di aprile il 30enne è rimasto in stato di detenzione in isolamento.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Poi è stato messo in cella con altri due detenuti accusati di omicidio. Si tratta di Johannes Beutel e di Lukas Oberhauser, rispettivamente un austriaco ed un italiano, entrambi responsabili della morte delle loro mogli, avvenute in circostanze diverse.

Foto dal web