Alberto Matano, le parole stupende per il collega: tutti commossi

0
852

A dieci anni dal malore che ha costretto Lamberto Sposini a lasciare la televisione, Matano gli fa una dedica a La vita in diretta

matano

Nell’ultima puntata de La vita in diretta, il conduttore Alberto Matano ha deciso di omaggiare Lamberto Sposini a dieci anni dal malore avuto nella trasmissione. Anni fa infatti  a condurre il programma era proprio Sposini; il 29 aprile 2011, prima dell’inizio della puntata dedicata alle nozze tra il principe William e Kate Middleton, il presentatore venne colpito da un ictus seguito da emorragia cerebrale.

L’omaggio di Matano a Sposini

“Oggi voglio cominciare con un saluto ad un amico. Un amico nostro, un amico vostro, di voi telespettatori, un giornalista che ha fatto la storia di questo programma. Voglio salutare con tutto il cuore di tutti noi Lamberto Sposini, forza Lamberto ti mandiamo un abbraccio, noi siamo con te” ha detto Matano, prima di mostrare alcuni vecchi filmati di Sposini alla conduzione de La vita in diretta.

Leggi anche -> Isola dei Famosi, anticipazioni 29 aprile: nuovi ingressi e colpi di scena

Quel 29 aprile Sposini doveva presentare lo speciale sul matrimonio del principe William e Kate Middleton insieme alla collega Mara Venier. Poco prima dell’inizio de La vita in diretta, però, qualcosa è andato storto: la Venier infatti ha iniziato la puntata da sola davanti alle telecamere, scusandosi per l’assenza di Sposini (in quel momento non si sapeva ancora della gravità della sua condizione). Solo ad episodio finito venne detto a Mara Venier cos’era davvero successo.

Leggi anche -> Coppa Italia Atalanta – Juventus a porte aperte: 5mila spettatori

Lamberto Sposini è uscito dall’ospedale (il Policlinico Gemelli di Roma) dopo due mesi dal ricovero. Venne trasferito nella clinica riabilitativa, riuscendo anche a recuperare la motricità e le facoltà cognitive. Il conduttore comunque soffre ancora di afasia (incapacità di esprimere o capire le parole) e agrafia (incapacità di comunicare attraverso la scrittura); non può tornare in televisione.