Duro scontro tra i due conduttori, scoppia il caos in Rai

0
349

Maurizio Mannoni torna all’attacco contro Bianca Berlinguer: “In onda con un ingiustificabile ritardo per vedere i giochini di Art Attack”

Torna nuovamente lo scontro tra Bianca Berlinguer e Maurizio Mannoni. Il motivo è il ritardo del programma CartaBianca condotta dalla giornalista, che ha fatto ritardare di dieci minuti l’inizio di Linea Notte, il programma condotto da Mannoni: “Andiamo in onda con un ingiustificabile ritardo – ha dichiarato il giornalista riferendosi alla collegaoltretutto per vedere i giochini di Art Attack. Non capisco chi possa aver autorizzato questo sforamento e noi non siamo assolutamente d’accordo.

Leggi anche > Stefania Orlando contro Diletta Leotta

Andiamo in onda per senso di responsabilità”, ha concluso Mannoni in diretta durante l’ultima puntata di Linea Notte. Lo sfogo durissimo si riferisce in particolar modo alle  pillole divulgative di Valerio Rossi Albertini. E’ a queste ultime che Mannoni si riferisce quando parla di giochini di Art Attack.

Rai, ancora scontro Mannoni-Berlinguer

Questa diatriba tra i due conduttori dei programmi di Rai Tre non è nata nelle ultime ore. La questione risale al 2017. Già in quel caso ci fu uno sforamento dell’orario. Il nodo della vicenda è legata ai costi. Ogni qual volta, infatti, che Linea Notte si collega dopo la mezzanotte e un quarto con le redazioni, scattano delle maggiorazioni orarie che sommandole diventano un costo ulteriore per la tv di Stato. Mannoni fa gli interessi dell’azienda, quindi, e nel caso specifico di tutti gli italiani. Ecco perché il programma Linea Notte doveva andare in onda a mezzanotte esatta secondo gli accordi.

Leggi anche > Chi l’ha visto, le ultime sul caso Denise Pipitone

I collegamenti devono avvenire nei primi quindici minuti per evitare gli sforamenti in termini di costi. Mannoni difende l’azienda ma, chiaramente, anche il suo programma cercando di non trovarsi in difficoltà in sede di programmazione.

Bianca Berlinguer foto
Bianca Berlinguer (Facebook)