Samuele De Paoli: svolta nel giallo di Perugia, interrogato sospetto

0
325

La morte del giovane ex calciatore Samuele De Paoli: svolta nel giallo di Perugia, interrogata sospettata che spiega l’accaduto.

(Facebook)

Ci sono novità importanti sulla morte di Samuele De Paoli, il giovane classe 1999, che è stato ritrovato cadavere, completamente nudo, in aperta campagna a Perugia. Il corpo privo di vita è stato rinvenuto nella zona di Sant’Andrea delle Fratte, in via Battifoglia, ieri mattina e nelle scorse ore è arrivata la svolta a quello che appariva come un vero e proprio giallo senza spiegazioni.

Leggi anche –> Giallo Perugia: ragazzo di 22 anni trovato morto, completamente nudo

A quanto pare, è stata identificata e portata in questura una persona, un transessuale di 43 anni, difeso dall’avvocato Francesco Gatti, che per tutta la serata di ieri, fino a notte inoltrata, è stato poi interrogato. Il transessuale risulta ora indagato a piede libero ed è stato messo in stato di libertà.

Leggi anche –> Ylenia Carrisi si vergognava di ciò che faceva: le parole di Romina Power

Come è morto Samuele De Paoli: svolta nel giallo di Perugia

(screenshot video)

Il transessuale ha dato la sua versione dei fatti, che in base alle prime indiscrezioni sarebbe comunque ritenuta attendibile dalle forze dell’ordine e dalla magistratura. Tra i due si sarebbe consumato un rapporto sessuale, al termine del quale ci sarebbe poi stato un violento diverbio. Il giovane sarebbe caduto e il transessuale sarebbe quindi scappato, lasciandolo lì mentre chiedeva aiuto. Evidentemente, poco dopo ha perso conoscenza e poi è sopraggiunto il decesso.

Nel frattempo, il transessuale – rimasto ferito nella colluttazione – si sarebbe recato al pronto soccorso per essere medicato: aveva quattro costole rotte e diverse tumefazioni. Ha negato che lui e la giovane vittima avessero assunto delle droghe, mentre ha sostenuto che Samuele De Paoli avrebbe ammesso di essere ubriaco. Intanto, a Bastia Umbra c’è grande dolore per la morte del giovane: il sindaco Paola Lungarotti ha parlato della vittima come di “un ragazzo bello sotto tutti gli aspetti, con tanti amici”.