Eros Ramazzotti, la paura dei fan per la malattia: ora è tutto passato

0
1416

Eros Ramazzotti qualche tempo fa si è sottoposto a un intervento per la rizoartrosi, una variante dell’artrosi che colpisce il pollice, alla mano sinistra. Ecco com’è andata. 

I fan di Eros Ramazzotti sono andati subito in allarme dopo aver appreso dai social del cantante loro beniamino ricoverato in ospedale. E’ stata la star della musica italiana in persona a diffondere la notizia, proprio per non destare eccessiva preoccupazione. D’altronde si trattava di un intervento programmato da tempo. Il popolare cantante romano, ormai milanese d’adozione, si è infatti sottoposto a un’operazione per la rizoartrosi, una variante dell’artrosi che colpisce il pollice, alla mano sinistra. Correva l’anno 2017…

Eros Ramazzotti sotto ai ferri

Eros Ramazzotti ha informato il suo pubblico virtuale con un post sul suo profilo Instagram, subito dopo l’operazione, ormai quattro anni fa: “Intervento alla mano perfettamente riuscito, sarà una notte tosta ma non mollo”. Poi il pensiero per la figlia Aurora e per la compagna Marica Pellegrinelli: “Mi mancate”. E ancora una nuova foto, stavolta un selfie direttamente dal letto d’ospedale per ringraziare i fan: “Grazie a tutti per i messaggi d’affetto, peace and love”.

Leggi anche –> Aurora Ramazzotti, la coraggiosa confessione: “Sconfitta da incassare” 

Eros si è fatto fotografare di fronte alla porta della stanza in cui è ricoverato, con il braccio completamente fasciato. Incidente di percorso piuttosto antipatico, per un musicista amante della chitarra come lui: la cosiddetta “artrosi del pollice” è una malattia che colpisce l’articolazione trapezio-metacarpale della mano posizionata proprio alla base del dito. Non appena hanno appreso la notizia, i suoi fan hanno inondato la pagina del cantante con messaggi di solidarietà e auguri di pronta guarigione.

Leggi anche –> Aurora Ramazzotti, la foto fa discutere: tra le mani un palloncino fallico 

Dopo la lunga pausa forzata, fortunatamente, sembra che tutto sia andato per il meglio. E la promessa indirizzata ai suoi seguaci – “Dopo la lunga degenza, ritornerò presto, lo giuro. Grazie a tutti per i messaggi d’affetto” – è stata mantenuta.